Sotto inchiesta gli appalti nella sicurezza: otto arresti

La procura ipotizza i reati di corruzione e turbativa d'asta. Indagine anche sui servizi di Malpensa e Linate

Otto persone sono state arrestate su ordine della procura di Milano nell’ambito dell’inchiesta su tangenti pagate per ottenere appalti per la sicurezza dei trasporti delle Poste.  L’indagine coinvolge tuttavia anche  la sicurezza negli aeroporti di Linate e Malpensa, oltre alla sicurezza privata dell’esercito e della Regione Lombardia. 
Corruzione, turbativa d’asta e falso sono i reati ipotizzati dal gip  Beatrice Secchi, che su richiesta dei pubblici ministeri, ha disposto le ordinanze di custodia cautelare. Tra gli arrestati c’è anche Maurizio Filotto, ex responsabile della sicurezza della Sea, successivamente passato alla direzione centrale della Poste e tornato in azienda nel novembre 2003, cooptato nel consiglio di amministrazione di Sea Spa. 
Secondo l’accusa, i dirigenti coinvolti chiedevano tangenti da 200.000 a 600.000 euro per assegnare i servizi di sicurezza e di trasporto valori alle società di vigilanza in uffici postali, aeroporti, uffici regionali, parchi e scuole comunali di Milano. L’indagine, partita nel mese di marzo e concentratasi inizialmente sul sistema di assegnazione dei servizi di sicurezza alle Poste italiane si era da un mese estesa anche agli appalti per la sicurezza negli aeroporti di Malpensa e Linate, mentre negli ultimissimi giorni verifiche sarebbero iniziate anche in altri aeroporti italiani dove opera la società di sicurezza Ivri. 
Sono stati arrestati anche  anche un dipendente dell’Enav, Roberto Cosentino, un tenente colonnello dell’esercito, Francesco Stuffi e un impiegato civile dell’esercito, Maurizio Ciriello. Raggiunto da ordinanza di custodia cautelare anche uno dei proprietari dell’Ivri Giampietro Zanè e un commercialista, Donato Carone.
Gli arresti hanno provocato reazioni politiche: «E’ una notizia che desta preoccupazione per il futuro del settore aeroportuale lombardo e della società aeroportuale» ha commentato Daniele Marantelli dei Ds.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.