Tentano di rapinare madre e figlia, in carcere due giovani

Cittiglio – Il fatto consumatosi al parcheggio dell'ospedale. I due responsabili già in carcere per uno scippo

Prima la richiesta di soldi, cinque euro, poi, non paghi, il bancomat, con tanto di coltello a serramanico che sbuca da una tasca. Il tutto sotto gli occhi di una donna di 33 anni e della figlioletta di appena 5. E’ quanto successo a Cittiglio lo scorso 17 maggio. Solo sabato scorso la donna ha trovato il coraggio di denunciare i due giovani che quel lunedì mattina le si presentarono dinnanzi al parcheggio dell’ospedale di Cittiglio. La donna si era recata in ospedale per una visita portando con sé la figlia. Uscita dall’ospedale è stata avvicinata da due giovani, poi risultati essere pregiudicati. Si tratta di un ragazzo di 31 anni di Cittiglio e di una giovane di appena 24 anni, di Gavirate. I due chiedono dei soldi alla donna, insistono e ricevono 5 euro. Poi, d’un tratto la minaccia: «Adesso sali in macchina e ci porti al bancomat», altrimenti finisce male. Un coltello spunta tra le mani dei ragazzi, determinati a portare a termine il colpo. La donna li asseconda e li fa sedere nei sedili posteriori dell’auto, poi, d’un tratto, grida alla bambina che è con lei di scappare, così da trovare rifugio all’ospedale. Dei due aggressori, di lì a poco, nessuna traccia. Poi la denuncia, sabato mattina e il riconoscimento attraverso alcune foto segnaletiche. Si tratta di due giovani che, tra l’altro, si sono resi responsabili di una tentata rapina il giorno dopo, il 18 maggio a Ternate. Proprio a causa di questo episodio, che impegnò i carabinieri di Azzate in un rocambolesco inseguimento, è stato possibile notificare ai due la denuncia per tentata rapina, che andrà a sommarsi a quella che ha loro spalancato le porte dei Miogni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.