Un piano di emergenza per Malpensa

Sono iniziati i lavori con tutti gli enti coinvolti

Un piano dettagliato per gestire una maxi emergenza che dovesse verificarsi nell’area dell’hub internazionale di Malpensa, con indicazioni e procedure di intervento concordate e condivise in modo che ciascuno dei soggetti interessati sappia cosa fare, come e quando. E’ l’obiettivo che intende raggiungere il work out, aperto oggi dall’assessore regionale alla Sicurezza, Polizia Locale e Protezione Civile, Massimo Buscemi, presso Palazzo Clerici a Milano. 

In due giorni e mezzo a porte chiuse novanta esperti divisi in tre gruppi di lavoro porteranno il loro contributo sulla base della specializzazione acquisita nel loro ambito operativo. Sono presenti il prefetto di Varese, Pironti, esponenti della prefettura di Milano, del Dipartimento Nazionale Protezione Civile, degli enti locali interessati, delle aziende ospedaliere presenti sul territorio di Malpensa, Vigili del Fuoco, volontari di Protezione Civile, Polizia Locale e ordine degli psicologi. 

Elaboreranno un piano che sarà presentato giovedì 27 maggio alle 12.30 e verrà poi verificato "sul campo" in occasione di un’esercitazione di Protezione Civile in programma nell’autunno 2004, tra ottobre e novembre. 

"Il piano nasce dall’idea di coordinarsi – ha detto Buscemi – in modo razionale e non occasionale, coinvolgendo tutti i soggetti titolati ad intervenire. Non partiamo da zero: esistono piani di emergenza sufficienti a gestire situazioni locali e quindi con limitate conseguenze sistemiche sul resto dell’area". 

Durante le sessioni di lavoro non sarà affrontato soltanto il caso del crash aereo ma anche, ad esempio, le conseguenze che potrebbero derivare da un incidente stradale che si verifica lungo una delle arterie viabilistiche di accesso all’aeroporto di Malpensa o, ancora, da fenomeni di dissesto idrogeologico nell’area adiacente all’hub, alluvioni o emergenze connesse alla forte presenza di insediamenti produttivi (rischio chimico-industriale).  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.