A Duemilalibri “Musica scritta di quotidiana inutilità”

Lunedì il giornalista e critico musicale Davide Ielmini presenterà il suo ultimo libro

Variazione di programma a Duemilalibri, la settimana del libro e dell’autore in fiera a Gallarate . Lunedì 1° novembre alle 18 ci sarà un incontro con Davide Ielmini, che presenterà : "Musica scritta di quotidiana inutilità" (Zecchini Editore, ottobre 2004), l’ultima sua creatura fresca di stampa. A Luca Segalla, critico musicale, il compito di introdurlo ai lettori di Duemilalibri. Nel suo ultimo libro Ielmini racconta di una società che gli uomini hanno reso invisibile, di storie immaginate, di personaggi cinici e fragili protagonisti di un continuo alternarsi tra commedia e dramma giocati sul filo del rasoio. Figure di un teatro che cambia spesso scena, vivace e profondo, capace di generare la curiosità dei lettori, anch’essi diventati parte di questi scritti fatti di lealtà, paure, contraddizioni, desideri. La scrittura è sottile ed elegante, in una carrellata di intellettuali, artisti a volte anomali e goffi, uomini forti e deboli allo stesso tempo, anime innamorate e venditori di sogni.

Davide Ielmini (sopra in una foto di Mario Chiodetti ), 34 anni, laureato in Scienze Politiche all’Università Statale di Milano con una tesi in sociologia della musica, sociologia della cultura e cultura di massa dal titolo "Consumo, ascolto e gusto musicali negli adolescenti d’oggi", è giornalista e critico musicale. Collabora con "La Prealpina" (Cultura e Spettacoli) e il "Corriere della Sera" (Tempo libero e Spettacoli). Ha scritto per Alias (inserto culturale de Il Manifesto), Musica, Audiophile. Interviene su alcune testate specializzate a livello nazionale (Ritmo, Jazzit) con articoli nei quali coniuga gli aspetti sociologici a quelli musicali. Giunto all’ottavo anno di pianoforte principale, redige programmi di sala e note di copertina per Splasc(h), Egea, Abeat Records. Parte dei suoi scritti sono stati citati su "Musica!", inserto de La Repubblica, Musica Jazz, Il Manifesto, Jazz Magazine, ImproJazz (Francia), Jazz Notice. Di lui si è interessata anche Rai International. Si dedica alla composizione sperimentale. Ha pubblicato "Note a Margine", racconti recitati alla Rete2 della Rtsi, per Zecchini Editore e tre sue poesie sono state inserite, accanto a quelle di Stefano Benni, Giovanni Conte, Giorgio Gaslini, nella raccolta di jazz-poetry "Swing in versi" per Lampi di Stampa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.