Alto Milanese «Strategico per lo sviluppo della Regione»

Fiera, Malpensa e cultura del lavoro, l'assessore allo sviluppo della provincia di Milano fa il punto

Sviluppare la cultura del lavoro come forza trainante per far crescere la provincia di Milano, ma anche la Regione. E’ questo uno dei tratti emersi dall’incontro avvenuto a Canegrate tra l’assessore provinciale Luigi Vimercati e le parti sociali per parlare di sviluppo. Vimercati ha incontrato amministratori, sindacalisti, imprenditori e associazioni dell’Alto Milanese ascoltando i problemi che attanagliano la zona e ne rendono difficoltosa la ripresa economica.

«L’Alto Milanese – ha tra l’altro detto Vimercati – ha una forte cultura del lavoro e dell’imprenditorialità: un’eredità del suo passato industriale, che è tuttora ben radicata su tutto il territorio. Ed è un’area strategica per la Provincia e per la Regione, essendo compresa tra Malpensa e il nuovo polo fieristico di Rho. Lavorando a stretto contatto con le amministrazioni comunali e con i centri di eccellenza locali, come Euroimpresa, operanti nel campo della ricerca e dell’innovazione, ci adopereremo per valorizzare l’identità del territorio e per far sì che ricavi il massimo beneficio da quei due grandi investimenti per elevare il benessere e la qualità della vita degli abitanti e per rilanciare stabilmente il suo importante tessuto economico».

Vimercati ha inoltre presentato ufficialmente un nuovo componente del suo staff: si tratta di Fausto Sanson, ex sindaco di Castano Primo. Sanson, conoscitore del nostro territorio, rappresenterà nell’area dell’Alto Milanese la Provincia di Milano, raccogliendo le istanze delle istituzioni locali, dell’imprenditoria, dei sindacati, delle associazioni, ottimizzando gli interventi dell’Ente presieduto da Filippo Penati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.