Bilancio 2005, la minoranza abbandona l’aula

Presentato il documento senza i consiglieri del centrosinsitra

Seduta movimentata a Villa Recalcati dove maggioranza e opposizione si sono scontrate sul bilancio di previsione 2005. I quattordici consiglieri di minoranza (Ulivo, Rifondazione e Lista Di Pietro) hanno abbandonato l’aula per protesta prima ancora che il bilancio di previsione venisse presentato. Motivo: «Non è possibile discutere del bilancio senza avere in mano la legge finanziaria approvata» come ha afefrmato Stefano Tosi, capogruppo dell’Ulivo, nel corso del suo internvento.

Ha risposto il presidente della Provincia, Marco Reguzzoni, che ha sottolineato come i tempi della finanziaria non poassano influire sui tempi dell’ente. «Aspettare la finanizaria vuol dire fare il bilancio a marzo, quando invece è necessario fissare prima gli obiettivi dei dirigenti». Il bilancio è quindi stato dato per letto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.