Cambiano i documenti per l’allacciamento del gas: un convegno per chiarire i dubbi degli installatori

Lo organizza Anim/Cna per il 29 ottobre. Mentre suggerisce indicazioni per il periodo provvisorio, che va dal primo ottobre 2004 al 31 marzo 2005

A partire dal primo ottobre 2004 sono partiti i primi accertamenti documentali relativi ai nuovi allacci delle utenze gas, che fanno seguito dell’ adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas.
Con questo regolamento l’Autorità per l’energia attribuisce alle società di distribuzione del gas il compito di svolgere controlli sulla documentazione relativa agli impianti di utenza a gas post-contatore: il che significa che a regime – cioè tra qualche mese – per l’attivazione della fornitura di gas sarà necessaria la presentazione da parte del cliente di una richiesta di attivazione, compilata e sottoscritta dall’utente (con gli allegati A o C), e di una attestazione di corretta esecuzione dell’impianto, compilata e sottoscritta dall’installatore (con gli allegati B o D). Solo in caso di esito positivo dell’accertamento sulla suddetta documentazione il distributore attiva la fornitura di gas.

Dal primo ottobre però quasi tutte le aziende di distribuzione del gas, comprese quelle varesine, stanno adottando una modalità transitoria che in caso di nuovi impianti che prevede, da ora fino al 31 marzo 2005, che la fornitura gas ai nuovi impianti sia attivata con la sola acquisizione del modulo "Allegato E alla delibera 40/04". Tale modulo, compilato e firmato dall’installatore, dovrà essere consegnato dal cliente al distributore in sostituzione dei moduli descritti.

Per meglio illustrare tutti i cambiamenti legati a questo nuovo regolamento, Anim/CNA ha organizzato, presso la sede di Varese, in via Bonini 1, un convegno. L’incontro, previsto per il 29 ottobre a partire dalle 18 avrà come relatrice Cristina Croda presidente Anim regionale, che affronterà più specificatamente i problemi legati al nuovo regolamento del gas, mentre Maurizio Calzolari, presidente Anim CNA della provincia di Milano, si occuperà della legge Marzano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.