Camelot, interviene l’assessore Bongini

Il responsabile dei servizi sociali del Comune interviene sulla questione della casa di riposo Camelot

In merito alla situazione legata alla Casa di Riposo “Camelot”, l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gallarate Giovanni Roberto Bongini sottolinea alcuni aspetti: «Alcune affermazioni rilasciate per definire quanto accade all’interno della Camelot – dice Bongini – non rendono giustizia alla Casa di Riposo, facendola apparire in maniera non certo conforme alla realtà. Non si può negare che, come in ogni caso, ci siano cose che possono o devono essere migliorate, ma è un problema che si pone in ogni situazione e sul quale gli stessi amministratori lavorano costantemente, nell’ascolto delle esigenze e nel tentativo di offrire sempre il meglio. Voglio anche “spendere” due parole su chi gestisce la Camelot, sottolineando la grandissima umanità del Presidente, Carlo Bonicalzi, e le indubbie capacità manageriali del direttore Giancarlo Durante. Gli “spigoli” caratteriali, soggettivi e comunque ravvisabili in qualsiasi essere umano, non devono mettere in dubbio un’indiscussa capacità gestionale».

Infine, da parte dell’Assessore, un’esortazione: «Basta polemiche, lavoriamo insieme per crescere e migliorare».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.