Carabinieri salvano disperato dal suicidio

Un uomo di 46anni si era barricato in casa con la famiglia minacciando di togliersi la vita

I carabinieri gli salvano la vita e impediscono che si verifichi la tragedia. È accaduto nella notte tra domenica e lunedì nell’abitazione di un uomo di 46 anni, sposato e con due figli. Il padre di famiglia, operaio disoccupato, rientrato a casa dopo aver forse bevuto un bicchiere di vino di troppo, si è barricato nella propria abitazione, minacciando di tagliarsi le vene, puntandosi anche più volte l’arma alla gola.

I familiari dell’uomo hanno chiamato i carabinieri, i quali si sono subito recati sul posto. Gli uomini dell’arma sono rimasti fuori dalla porta di casa per quasi quattro ore, tentando di convincere l’uomo a posare il coltello. Per la moglie e i due figli non c’è mai stato un pericolo tangibile: l’uomo non avrebbe mai minacciato di far del male ai suoi cari. Intorno alle 5 di mattina, senza fare irruzione, i carabinieri della stazione di Caronno Pertusella sono riusciti farsi aprire la porta.
Il 46enne è poi stato accompagnato nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Saronno dove riceverà le opportune cure. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.