Case popolari, Rosa: «Un’ingiustizia verso i cittadini lombardi»

Il primo cittadino dissente profondamente dalla decisione del tar che annulla i regolamenti regionali che favoriscono i residenti nell'assegnazione dell'edilizia pubblica

 

Il Tar affossa il regolamento regionale che favorisce i residenti nell’assegnazione delle case popolari, e il sindaco Rosa non ci sta. In un comunicato ilo primo cittadino di Busto Arsizio si dice «profondamente preoccupato non solo per l’ingiustizia che si prospetta nei confronti dei cittadini lombardi che verranno messi sullo stesso piano di chi versa da meno tempo i contributi, ma anche perché considero diseducativo concedere premialità a soggetti che non hanno contribuito o che hanno contribuito in minima parte alla costruzione di quel patrimonio pubblico utile anche per realizzare gli alloggi popolari».

Luigi Rosa si augura che la Regione Lombardia faccia ricorso al Consiglio di Stato contro questa sentenza che stravolge il regolamento regionale del febbraio scorso, che aveva solo l’intenzione di "premiare chi da più anni paga le tasse in Lombardia".

Per quanto riguarda le graduatorie del Comune di Busto, il Sindaco intende rassicurare i cittadini da anni residenti nel territorio, ai quali, "nel limite imposto dalla legge, continueremo a concedere comunque delle premialità".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.