Caso Giaramita, qualcosa inizia a muoversi

Forse in vista l'assegnazione di una casa popolare a Davide Giaramita e a sua madre Giovanna

I servizi sociali del Comune di Busto Arsizio hanno finalmente mostrato un appartamento a Giovanna Alagna, madre di Davide Giaramita. «Comunque non ci è ancora stata assegnata la casa popolare» precisa la signora Alagna. «In questi giorni l’assessore Mazzucchelli mi ha chiamato, e quando ci siamo incontrati mi ha detto che si stava dando da fare e che bisognava mettere una pietra sopra il passato (i reiterati rifiuti di concedere una casa popolare alla signora e a suo figlio, invalido al 100%, ingiustamente privato della pensione e in attesa di riaverla, ndr). Quanto alla pensione, spero di poterla riavere almeno ai primi di novembre, pensare che la visita a mio figlio è avvenuta in agosto…». Ed è proprio in quel mese che la signora incontrò Audio Porfidio. «E’ l’unica persona che ci ha fatto avere un aiuto concreto in questa città: non avevo più nessun altro a cui rivolgermi, avevo ormai bussato a tutte le porte. Io e mio figlio gli dobbiamo letteralmente la vita». Ci si chiede: possibile che con tutte le associazioni di volontariato presenti in città si sia giunti a questo? «Quando mi rivolsi alla Caritas mi fecero avere un sacchetto con la spesa. Piadine preconfezionate, pasta, mortadella. Niente di più».
La recente sentenza del TAR lombardo che il 29 settembre ha annullato parte del regolamento regionale per l’assegnazione delle case popolari è motivo di speranza per la signora Alagna: «Sarei felicissima, anche per altre persone che si trovano in situazioni simili alla nostra. Io per due anni sono stata presa in giro dal Comune: prima presentavo regolare domanda e poi veniva bocciata».
Intanto il sindaco Luigi Rosa sta preparando una dettagliata relazione sulla vicenda, che senza dubbio merita il debito approfondimento. Martedì sera, in consiglio comunale, sarà Rosa stesso a rendere conto ai consiglieri dell’operato dell’amministrazione comunale nei confronti di Giovanna Alagna e di suo figlio Davide, e non si preannuncia un compito facile.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.