Centoquaranta candeline per Busto città

Il 30 ottobre 1864 a Busto Arsizio veniva conferito il titolo di Città: ricco il programma delle manifestazioni da sabato fino all'estate 2005

«Il 30 ottobre del 1864 il nostro paese fu onorato del titolo di città. Il nuovo titolo ci impone nuovi obblighi. Non è per sentimento di vanità che la vostra rappresentanza ha promosso questa onorificenza, né è per ciò che dal Consiglio fu domandata e dal Vostro Deputato al Parlamento vivamente caldeggiata. Il nome di città, per noi, non era né la meta, ma un conforto ed uno sprone a progredire nella via della civiltà» 
Parole che vengono da un tempo lontano, quelle con cui nell’autunno di 140 anni fa
il Sindaco di Busto Arsizio, allora l’ingegner Carlo Crespi, diede ai bustocchi la gradita notizia che re Vittorio Emanuele II aveva conferito alla nascente "Manchester d’Italia" il titolo di Città.

Per promuovere la conoscenza della storia cittadina, la Giunta comunale si prepara a dare ampio risalto al 140° compleanno di Busto città con momenti istituzionali e appuntamenti culturali: dal 30 ottobre  fino alla festa del patrono 2005 (San Giovanni, 24 giugno, ndr) tutte le realtà territoriali saranno coinvolte nei festeggiamenti.

Le manifestazioni inizieranno sabato mattina: dopo la Santa Messa presso il Tempio Civico alle 9.30, alle 10.30 il Sindaco Luigi Rosa pronuncerà il discorso ufficiale nella Sala Consiliare di Palazzo Gilardoni. Seguiranno la lettura di alcuni brani di storia bustese con le voci guida di Claudio Foresti e Annalisa Restelli e la presentazione della “Chiave della Città”. Nove le chiavi che l’Amministrazione Comunale consegnerà simbolicamente a personaggi o ad ospiti illustri, rispettando una tradizione medievale che si è perpetuata fino al Settecento.


Alle 11.30, a Palazzo Cicogna sarà quindi inaugurata la mostra “Busto Arsizio Città: 14 decenni di storia”, incentrata l’evoluzione di alcuni aspetti della vita sociale della città. A contribuire sono stati storici e studiosi cittadini come Augusto Spada, Carlo Magni, Alberto Brambilla, Franco Bertolli, Elisabella Palmisano, Giuseppe Magini, Loredana Amadori, Giovanni Rimoldi, Lorena Crippa e Augusta Grilli. 

Le celebrazioni prevedono poi delle conferenze sulla storia locale (la prima, un’intera giornata di studio, “La storia locale: un’opera aperta”, con l’intervento di cultori ed esperti di storia bustese, è in programma per il 20 novembre alle 16 al Museo del Tessile). Sono previsti inoltre l’inaugurazione della sala della Biblioteca civica dedicata al fondo di storia locale (4 dicembre) e il primo concorso bustese “Personaggi ed eventi a Busto Arsizio dal 1864 ad oggi” riservato agli studenti di elementari e medie.

Nel mese di aprile si terrà quindi la seconda edizione del convegno “Büsti Grandi: gli Stati generali della Città di Busto Arsizio”, cui interverranno enti pubblici, associazioni di categoria, culturali, sportive e del volontariato.

Il Sindaco Luigi Rosa ricorda l’impegno economico del Comune, soprattutto per il restauro della fontana di Piazza Garibaldi, inaugurata in occasione del centenario (1964) di Busto città. Nel ricco calendario delle manifestazioni compare anche il primo trofeo di golf “B.A. Golf Cup” al Golf Club Le Robinie. L’anniversario di Busto città sarà anche l’occasione per lanciare il marchio “B.A. 1864”, studiato in collaborazione con operatori di industria, commercio e artigianato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.