Collegio 3, il centrosinistra vince con Zaccaria

Il candidato dell’Ulivo si impone con il 51.7 per cento dei voti. Bresciani, l’uomo della Lega, prende il 43.46 per cento

Il centrosinistra vince a Milano alle elezioni politiche suppletive, e lo fa nel collegio lasciato dal leader della Lega Umberto Bossi.
Il collegio 3 è stato assegnato al candidato schierato dall’Ulivo, Roberto Zaccaria.

I primi dati sull’esito delle elezioni si hanno verso le 16.  Poi la conferma del distacco sul concorrente diretto: Luciano Bresciani; alle 17 e 20 Zaccaria era


Zaccaria, 63 anni, è professore di diritto costituzionale all’Università di Firenze e insegna anche Diritto dell’informazione di cui è uno dei maggiori esperti a livello nazionale e internazionale. È stato Presidente della RAI dal 1998 al 2002 e prima consigliere di amministrazione dal 1977. Al termine del suo incarico di Presidente della RAI è tornato all’insegnamento e all’impegno civile e ha partecipato a numerosissimi incontri e dibattiti in ogni parte d’Italia sui temi della libertà d’informazione, della Costituzione, della pace e della giustizia.

A castigare il centro destra è stato l’astensionismo: almeno è questo il commento di Luciano Bresciani candidato della Cdl, che ha commentato a caldo il risultato delle suppletive del collegio 3.

Per queste elezioni a Milano hanno votato il 39,91% degli aventi diritto. Gli iscritti alle liste elettorali erano 94.763: 37.823 sono stati i votanti.

 

Nelle precedenti elezioni – era il 2001 –  al medesimo collegio i votanti furono l’82,9 degli aventi diritto. Allora a fronteggiarsi erano Umberto Bossi, che vinse con il 53,1 per cento dei voti e Alberto Martinelli, il candidato dell’Ulivo, che prese il 41,3 per cento dei consensi.

in testa con il 51.3% delle preferenze dopo lo spoglio delle schede in 108 sezioni su 113. I dati definitivi arrivano poco prima delle 18: Roberto Zaccaria ha vinto con il 51,37% dei voti su Luciano Bresciani, che ha preso il 43,46% dei consensi.
Così gli altri schieramenti in lizza: Luciano Garatti (“Basta tasse”), 0.9 per cento; Stelio Traversa (”Alternativa sociale”), 1,3 per cento; Anna Belardi (“Liberalbdemocratici”), 0,5 per cento; Tommaso Staiti di Cuddia (“Nazionalpopolari) 0,4 per cento; Gabriele Pagliuzzi (“Destra Liberale), 1,4 per cento; Flavio Ferrario (“No Euro”), 0,6 per cento.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.