Darwin Airline, la “piccola pulce” delle compagnie aeree

A pieno regime i voli per Roma e Barcellona dall'aeroporto di Agno

Da Lugano a Roma in un’ora con un check-in di soli 20 minuti. È la nuova tratta della giovane compagnia aerea svizzera Darwin Airlines, la cui nuovissima tratta giornaliera Lugano-Roma, già attiva dal 6 settembre, è stata presentata ufficialmente quindici giorni fà. I due aerei della compagnia, che tra l’altro oltre a operare già su Olbia e Ginevra serviranno da mercoledì prossimo la tratta per Parigi e dal 3 ottobre per Barcellona, sono dei turboelica "Saab 2000" da 50 posti e si chiamano Insubria e Ticino. Nomi che vogliono sottolineare l’importanza del territorio insubrico, che coinvolge anche i bacini di utenza di Varese, Como, del Verbano e del Ticino. 
«Abbiamo aspettato due settimane a presentare ufficialmente il volo perchè volevamo anche far conoscere la nostra sponsorizzazione al team Kessel Racing che ha recentemente vinto il campionato italiano NGT» spiega soddisfatto Mosè Franco, presidente della compagnia aerea nata nel 2003. Oltre ai numerosi giornalisti, erano molti i rappresentanti istituzionali presenti domenica: tutto il consiglio di amministrazione della Darwin; l’assessore alle politiche comunitarie di Varese, Roberto Bosco; il segretario generale della Regio Insubrica, Roberto Forte, il direttore di Lugano Turismo, Marco Sorgesa; il presidente dell’Associazione Industriali Ticinesi, Sandro Lombardi.

La filosofia di Darwin Airline è semplice: la compagnia vuole essere la prima “Economy Business Airline”. «Infatti, prosegue il presidente Franco (foto a sinistra) – con questa giornata abbiamo dimostrato come sia possibile per tutti gli utenti del territorio insubrico, essere a Roma, e tornare, in giornata. Il nostro check-in è molto veloce, i prezzi sono standard, non effettuiamo over booking e il tutto è facilmente prenotabile anche via internet o con il call center».
Ben undici i collegamenti settimanali per Roma: la partenza da Lugano Airport è prevista per le ore 07.30 con arrivo alle 09.00 e volo di ritorno alle ore 09.40 con arrivo a Lugano Airport alle 11.10. Nel pomeriggio, il decollo dallo scalo ticinese è fissato per le ore 18.25, con arrivo alle 19.55 e rientro da Roma in partenza alle ore 20.40, con arrivo a Lugano alle 22.00.  

Di fronte alla crisi che stanno affrontando le grandi compagnie aree come Alitalia o Volare Group, ecco quindi emergere le piccole compagnie regionali. «La Svizzera ha già superato la propria crisi con la SwissAir – prosegue Franco -. Noi siamo solo una piccola pulce che cerca di farsi strada. Stiamo studiando anche delle formule per i viaggi nei week-end, ma il nostro motore rimane il business e la qualità del servizio: non più il passeggero al servizio della compagnia aerea con offerte stracciate e di fatto inesistenti, ma la compagnia al servizio dei passeggeri». 

Per tutta la zona Insubrica, che abbraccia non solo il Ticinese, ma anche il Varesotto e il Comasco, si affaccia quindi la rinascita del piccolo scalo aeroportuale di Lugano-Agno, oggi di proprietà del Comune. «È molto importante avere uno scalo attrattivo dopo le molte difficoltà della SwissAir – spiega Paolo Beltraminelli, assessore di Lugano -. Il servizio presentato in questi giorni si inserisce in una nicchia di mercato ben precisa, lontana da Malpensa o Linate. Un gran numero di utenti che vogliono muoversi velocemente. Un’ottima occasione per il nostro aeroporto e per tutta l’area insubrica».
«Il nostro obiettivo – conclude fiducioso il presidente della Compagnia – è quello di chiudere in pareggio il bilancio 2005, ma soprattutto di avere a Lugano, entro il 2008, un movimento di 250 mila passeggeri annui. Il futuro sono le piccole compagnie regionali. Oggi le grandi soffrono perchè vogliono fare di tutto e di più.
Darwin è sinonimo di evoluzione e noi pensiamo di aver visto giusto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.