Droga party? Il carabiniere porta la pizza e le manette

L'operazione "Pizza alla fiamma" ha permesso di arrestare un giovane di 36 anni. Aveva con sè 50 grammi di marijuana

Non è uno scherzo, ma una di quelle notizie che forse la si immagina solo nei cartoni animati o in qualche film d’azione un po’ spiritoso.
Sta di fatto che i carabinieri della compagnia di Varese da tempo tenevano d’occhio un gruppo di giovani che spesso si appartavano in un cascinale a Cuasso al Monte, in Valceresio. Una pizza in compagnia, una birra e qualche spinello. Troppi, secondo i militari di Porto Certesio, che hanno iniziato a controllare i ragazzi, per due settimane.

Domenica sera, però, il blitz. E qui scatta l’ingegno dei carabinieri.
Arrivati in prossimità della cascina, infatti, ecco che ai militari si presenta un giovane di un locale della zona che sta per portare le pizze d’asporto al gruppetto, nel quale erano presenti anche giovanissimi.

La Benemerita lo ferma, lo perquisisce e, appurato che il pizzaiolo non c’entra nulla con "i ragazzi della cascina", entra in azione: un agente dismette la divisa e, bardato di grembiule e pizze, fa ingresso nella cascina. Ma, al posto del conto c’è un verbale di perquisizione, dalla quale vengono rinvenuti 50 grammi di marijuana e 540 euro in contanti. E’ così finito in manette Cristiano B., 36 anni, pregiudicato; gli altri ragazi sono stati segnalati alla prefettura come assuntori abituali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.