Fermato per un controllo, tenta di investire un carabiniere

I militari hanno risposto aprendo il fuoco sull’auto in fuga e ferendo un passeggero. È caccia al fuggiasco accusato di tentato omicidio

Un normale controllo che si è trasformato in uno scontro a fuoco, con conseguente tentato omicidio di un carabiniere. È accaduto a Marnate lunedì scorso (anche se solo oggi i carabinieri hanno reso noto l’accaduto) intorno alle 16 e 30 quando un carabiniere ha rischiato di essere investito da un auto in fuga e alla quale sono state scaricate un paio di raffiche di mitra che hanno ferito il passeggero.

Il tutto è cominciato in seguito a una segnalazione giunta agli uomini dell’Arma, riguardante due auto molto sospette ferme in via Pascoli, alla periferia del paese. Come prevede la prassi è scattato il controllo da parte di una pattuglia dei carabinieri. Un militare, per effettuare i controlli di rito, si è avvicinato alle due auto, una Bmw e un’auto sportiva, mentre un altro carabiniere attendeva poco lontano. In ogni auto vi erano due persone. Appena visto il militare l’auto sportiva non ha tentato subito la fuga, bensì ha messo la retromarcia tentando prima di investire il carabiniere. Il militare è riuscito a evitare la vettura, ma il conducente ha inserito la marcia in avanti ed è fuggito. Qui sono scattate le due raffiche di mitra con le quali però i militari non sono riusciti a bucare le gomme dell’auto.

I controlli sono così proseguiti sulla Bmw dove il passeggero è riuscito a fuggire a piedi, mentre il conducente della vettura, un 26enne di origine marocchina clandestino, è stato arrestato in quanto trovato in possesso di 30 grammi di cocaina ed eroina.
Poco ore più tardi è giunta ai carabinieri la segnalazione di un uomo ferito da colpi di arma da fuoco che è stato abbandonato in un ospedale della zona: gli inquirenti non hanno reso noto quale per motivi di sicurezza. Gli uomini dell’Arma hanno poi appurato che si tratta del passeggero dell’auto sportiva fuggita: un 23enne di origine marocchina, regolare e residente a Legnano. Ora è caccia aperta al complice che era alla guida dell’auto fuggita. Dal Comando dei Carabinieri di Saronno assicurano di aver quasi individuato di chi si tratti, e i militari sarebbero già sulle sue tracce. Per lui si profilano accuse ben più gravi, tra cui anche quella di tentato omicidio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.