Grandi novità per la 17esima edizione di Piazza Blues

Gli organizzatori del Festival stanno cercando far sì che l’iniziativa non si esaurisca in pochi giorni

Per l’Associazione Piazza Blues di Bellinzona il 2004 si è rivelato un anno carico di successi.

Nonostante la concomitanza con un evento di caratura mondiale quale i campionati europei di calcio che ha pesantemente condizionato la sua preparazione, la kermesse di Piazza Governo a Bellinzona si è infatti rivelata all’altezza delle aspettative, sia dal punto di vista qualitativo che da quello della presenza di pubblico. E proprio il pubblico è stata l’altra piacevole sorpresa della XVI edizione del Festival: nonostante le concomitanze calcistiche ed un cartellone sulla carta non di grandissimo impatto, circa 20 mila persone hanno infatti seguito l’intero svolgersi del programma, dimostrando un grande attaccamento a Piazza Blues e molta fiducia nelle scelte degli organizzatori, poi ampiamente ripagata dallo spettacolo cui hanno potuto assistere.

Ma il 2004 dell’Associazione Piazza Blues non si chiude qui: ribadendo la volontà espressa negli scorsi mesi di trasformare il Festival da evento musicale che si esaurisce in pochi giorni, in una macchina culturale – ricreativa in grado di animare la regione durante tutto l’anno, a partire dalla prossima settimana e per buona parte del periodo invernale, il Comitato ha allestito un ciclo di concerti che idealmente riprende il filo del discorso iniziato in Piazza Governo e con il quale intende tenere viva l’attenzione degli appassionati nei confronti della musica “nera” attraverso l’incontro con importanti personalità di questo genere.

Sede di questi concerti sarà il Grotto Pasinetti – Paso Music di Gorduno, locale che da sempre rappresenta un punto di riferimento per gli amanti del blues in Ticino, tra le cui mura Piazza Blues è nato ed è cresciuto, e dove da un paio di stagioni è tornato per le lunghe nottate che seguono le esibizioni in Piazza Governo. Protagonisti della rassegna saranno nomi di assoluto livello dell’attuale panorama blues, nonché artisti forse non famosissimi ma che, a livello qualitativo, non hanno nulla da invidiare a più illustri colleghi dei quali, in alcuni casi, sono gli eredi designati da parte della critica internazionale. Nello spirito che da sempre anima Piazza Blues, che cerca di conciliare qualità artistica e la possibilità di usufruirne a condizioni favorevoli, l’ingresso alle varie serate sarà gratuito.

Nel frattempo l’Associazione Piazza Blues ha già iniziato a lavorare attorno al programma di attività per il 2005  che avrà, chiaramente, il suo culmine nella XVII edizione del Festival, che si svolgerà 22 al 25 giugno 2005 e che già sin d’ora si annuncia carico di conferme e novità.

In tema di conferme è già possibile comunicare che, sulla scorta del grande successo di quest’anno e forte dell’entusiasmo riscontrato tra le Autorità e la popolazione del Borgo, l’apertura  avverrà nuovamente a Giubiasco con un evento ancora più grande rispetto a quello del 2004.

Tra le novità la scomparsa, tra i sostenitori della rassegna, della “griffe” di BancaStato dopo cinque  anni di intensa e fruttuosa collaborazione, che ha permesso a Piazza Blues di crescere in misura tale da diventare una delle manifestazioni più importanti dell’estate ticinese. L’uscita di scena di BancaStato (alla cui Direzione va un sentito ringraziamento da parte di tutta la “famiglia” di Piazza Blues per l’impegno e la passione dimostrata in questo lustro) non avrà, fortunatamente, alcun contraccolpo sul futuro immediato della rassegna: la situazione finanziaria dell’Associazione è infatti  ottima; inoltre sono in stato avanzato delle trattative con aziende in grado di fornire, già a breve termine,  un adeguato sostegno economico alla sua attività. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.