Grandi protagonisti per grandi sfide

Alla Sala Tramogge dei Molini Marzoli sfilano i campioni dello sport: questa sera c'è il grande Umberto Pelizzari

«Da 0 a 100 metri e poi ancora più giù, a precipizio negli abissi: le

pulsazioni rallentano, il corpo svanisce, ogni sensazione galleggia dentro nuove forme. Resta soltanto l’anima. Un lungo tuffo nell’anima che sembra assorbire l’universo. Ogni volta risalire è una scelta: sono io che torno a riappropriarmi della mia dimensione umana, metro dopo metro, per venire di nuovo alla luce. Spesso mi chiedono cosa c’è da vedere laggiù. Forse l’unica risposta possibile è che non si scende in apnea per vedere, ma per guardarsi dentro. Negli abissi cerco il mio io. E’ un’esperienza mistica, ai confini col divino. Sono immensamente solo con me stesso, ma è come se mi portassi dentro tutta l’essenza dell’umanità. E’ il mio essere umano che supera il limite, che si cerca fondendosi col mare, che si immerge in se stesso e si ritrova».

Questo è Umberto Pelizzari. Basta il suo nome, e subito pensi alle profondità del mare, dove gli apneisti – di cui Busto è una capitale mondiale, con Umberto a fare da caposcuola – si immergono alla ricerca dell’impossibile, armati solo del proprio coraggio e della ferrea determinazione di esplorare i limiti delle loro possibilità. Già quasi vent’anni Umberto stupiva intere classi di scolari con le sue interminabili apnee "da fermo" nella piscina delle medie Galilei a Sacconago, dove usava allenarsi. Poi, una sequela di record fenomenali di profondità, in gara con il cubano Pipìn. Solo per fare un esempio, nella categoria No Limits il 24 ottobre 1999 è sceso a -152 metri, dove si pensava nessuno potesse arrivare.

Con il tempo e i reord è venuta la giusta celebrità, e anche la conduzione di "Sai xché" su Retequattro.
Delle sue avventure, della sua filosofia di sportivo e di molto altro
Umberto parlerà questa sera alle 21 nella Sala Tramogge dei Molini Marzoli, complici un pubblico che si attende numeroso e… un proiettore che racconterà il suo cammino – pardon, le sue bracciate – di atleta attraverso le più belle immagini filmate negli anni scorsi. Immagini, ovviamente, da mozzare il fiato.
Questo sarà il primo di una serie di incontri con i campioni dello sport organizzati dall’amministrazione comunale e significativamente intitolati "Protagonisti delle grandi sfide". Tra i "convocati" per i prossimi appuntamenti spiccano per ora i nomi dell’alpinista Simone Moro e del campione olimpico di scherma Aldo Montano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.