«I cittadini saranno i nostri occhi sul territorio»

Passaggio di consegne alla caserma dei Carabinieri. Massimo Giaramita, 32 anni, è il nuovo capitano

 Il testimone della Benemerita a Luino è passato da qualche giorno: alla guida della compagnia dei Carabinieri non c’è più Marco Pettinato, in servizio ora ad Alba, in Piemonte. A sedere dietro la scrivania dell’ufficio al primo piano della caserma luinese dell’Arma c’è ora Massimo Giaramita (foto), 32 anni, sposato, un bambino di un anno e una moglie che presto lo raggiungerà sul Lago Maggiore. 

Il capitano Giaramita arriva a Luino dopo aver comandato la compagnia di Sestri Levante, in Liguria, e dopo essersi affermato a Reggio Calabria al comando della scuola allievi carabinieri prima, e al comando del nucleo operativo speciale "Calabria" a Vibo Valentia poi. Zone "calde", certo, che forse hanno poco in comune col Luinese, ma che proprio per questo rappresentano una valida palestra.
«Il Luinese? Una bella zona, che ancora sto imparando a conoscere – ha affermato il capitano nel corso della presentazione alla stampa avvenuta questa mattina. Le problematiche che mi sono state illustrate dal mio predecessore sono comuni ad altre province: piccola criminalità, collegata coi furti o reati contro il patrimonio, ma anche fenomeni di più ampia portata, più organici».
Gli uomini della compagnia di Luino sono preparati e professionali, come conferma il capitano, comunque ancora impegnato a conoscere tutti i militari presenti sul territorio. Anche il rapporto coi "civili" è per il momento limitato alle figure istituzionali, vedi sindaci o rappresentanti di categoria. Ma non per questo verrà dimenticato il rapporto con la cittadinanza. Anzi.
«Il servizio che intendo svolgere punterà sulla prevenzione piuttosto che sulla mera repressione dei reati – ha concluso il capitano – . Per queste ragioni i cittadini saranno una risorsa preziosissima. Essi rappresentano i nostri occhi sul territorio, e invito tutti ad attivare un rapporto amichevole e produttivo con l’Arma, senza indugiare a chiamare per segnalare con tempestività ogni reato»
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.