«I parchi naturali della Lombardia rischiano di diventare dei giardinetti»

Chiara la presa di posizione del presidente del Www Lombardia sul progetto di legge regionale sulle aree protette

«Vent’anni dopo l’innovativa legge per la tutela delle aree protette la Regione Lombardia propone un nuovo testo che aggrava la tendenza registrata negli ultimi anni e la conferma  fanalino di coda nella conservazione della natura in Italia». Parole dure del  Presidente del Wwf Lombardia Paola Brambilla in occasione dell’audizione alla sesta commissione ambiente. Brambilla ha dichiarato che «nel progetto di legge sulle aree protette proposto dalla Giunta Regionale la tutela della natura e della biodiversità è affrontata in modo superficiale, approssimativo e povero di contenuti. L’ipotesi su cui si sta lavorando è quella di rinunciare al governo del territorio preferendo la politica delle mani libere caratterizzata dal ricorso strutturale alla deroga come regola di intervento sull’ambiente».

«Se questa proposta di legge andrà avanti  rischia di trasformare i parchi regionali da aree protette, il cui scopo è la tutela della biodiversità, a giardinetti pubblici in cui prevale l’utilizzo, la fruizione turistica e l’attività venatoria senza le limitazioni e le regole che un’area protetta dovrebbe garantire – prosegue il presidente del Wwf Lombardia -. È inaccettabile la confusione tra concetti quali le reti ecologiche e le reti escursionistiche trattati come fossero la stessa cosa mentre perseguono obiettivi diversi e non conciliabili. Inoltre secondo non meglio precisate ‘esigenze di pubblico interesse’ (articolo 12) sarebbero ammessi interventi in deroga ai piani dei parchi e delle riserve naturali, introducendo un vasto potere discrezionale in capo alla Giunta regionale che potrebbe prestarsi a legittimare indistintamente la realizzazione di qualsiasi opera all’interno dell’area protetta. Ci auguriamo che il confronto aperto sul progetto di legge porti all’abbandono di questa prospettiva».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.