L’apertura della “Stagione ragazzi” al Sociale slitta a dicembre

"Racconto di Natale" di Dickens, "Pipuffa" e "Il gatto con gli stivali" le proposte teatrali per i più giovani

 Partirà il 20 dicembre, e non il 27 ottobre come annunciato in precedenza, la nuova "Stagione Ragazzi" del Teatro Sociale di Busto Arsizio.  Infatti lo spettacolo di apertura, "Il gatto con gli stivali" di Perrault, è stato spostato a fine marzo. "Canto di Natale" di Dickens sarà invece messo in scena in altre due repliche (il 20 e 22 dicembre), oltre a quella già annunciata del 21 dicembre. 
Ed ecco il programma con le note sugli spettacoli:

20/21 e 22 dicembre 2004 "Racconto di Natale"


di Charles Dickens
compagnia Attori del Teatro Sociale
regia: di Delia Cajelli

Una fiaba di Natale che tocca le corde del cuore. Uno spettacolo adatto agli spettatori di tutte le età. Protagonista il vecchio e avaro Scrooge, destinato a diventare altruista e generoso in seguito ad alcune visioni avute durante la notte della Vigilia…

25 febbraio 2005 "Pipuffa, una cantastorie proprio buffa!"


di e con Marina De Juli

Racconti, poesie, giochi di parole e musiche per divertire e far riflettere i più piccoli, ma anche per chi è rimasto giovane nell’anima. Sul palco Pipuffa, una cantastorie proprio buffa. Un personaggio generoso, pieno di fantasia e di buon umore, una sorta di Pippi Calzelunghe, con un grande senso della libertà e dell’importanza della diversità. In scena un grande libro con disegni che si trasforma in schermo per proiezioni d’ombre, in televisione, in un teatrino per pupazzi, in valigia. Lasciato il ruolo di giullare classico, Pipuffa, con l’aiuto di sagome e ombre, accenna agli usi e costumi dei primi del ‘900 e sottolinea il valore della semplicità del gioco. Sfogliando il grande libro, diventa cantastorie che narra una fiaba tradizionale zingara, per poi parlare dei giorni nostri, di una vita frenetica che non lascia il tempo di raccontare le favole…

Marzo 2005  "Il gatto con gli stivali"


di Charles Perrault
compagnia AT.Theatre
regia di Delia Cajelli

Può un micio cambiare una vita? Secondo la fiaba di Perrault sembrerebbe proprio di sì. La storia è quella nota a tutti: un giovane povero, alla morte del padre, eredita un gatto, che, attraverso una serie di fortunate coincidenze e di azioni preparate, gli farà ottenere un castello circondato da numerose terre, un titolo (quello di marchese di Carabas), l’amicizia del sovrano e il matrimonio con la principessa Isabella. Insomma, una vita da sogno!

Biglietti: posto unico euro 5,00

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.