L’asilo nido di Madonna Regina intitolato alla partigiana Giannina Tosi

In ricordo della donna che fu anche consigliere comunale per quasi trent'anni

Da sabato 16 ottobre, l’asilo nido comunale di Madonna Regina si chiamerà “Giannina Tosi”. Alle 9.45, alla presenza del Sindaco Luigi Rosa e delle autorità cittadine, è infatti prevista la cerimonia di intitolazione dell’asilo di via Bonsignora e lo scoprimento di una targa in marmo rosa che indica il nuovo nome della scuola.

In seguito alla richiesta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, pervenuta qualche mese dopo la scomparsa della Signora Tosi nel marzo del 2002, di intitolare il nido del quartiere in cui la stessa Signora ha abitato e ha lasciato un vivo ricordo, la Giunta non ha avuto dubbi, anche in considerazione del fatto che Giannina Tosi nei primi anni ’60, gli anni del boom economico e demografico che vide aumentare la popolazione di 20.000 unità in pochi anni, si prodigò per l’istituzione e per il buon funzionamento di asili nido e scuole materne, che fossero reali strumenti educativi e non semplici parcheggi per bambini.

Come si ricorderà, Giannina Tosi, giovanissima partigiana combattente nella Brigata Lombarda, attivista sindacale, consigliere comunale dal 1964 al 1990, e anche volontaria all’Istituto la Provvidenza negli ultimi anni della sua esistenza, è stata insignita della Civica Benemerenza nel 1991. Per la prima volta, si spezzava la tradizione che vedeva attribuire l’onorificenza a imprenditori o magnati e la si dava ad una donna che aveva fatto “del suo credo nei valori della solidarietà e della libertà – di quella libertà per la quale giovanissima ha rischiato la sua stessa vita – motivo di impegno costante e quotidiano, adoperandosi in difesa dei più deboli ed, in particolare, dei più piccoli e degli anziani”.

 

Al termine della cerimonia è previsto uno spettacolo di burattini, dedicato ai più piccoli, a cura della compagnia “L’Allegra Brigata”. Il noto e pluripremiato burattinaio bustocco Elis Ferracini, coadiuvato da Silvia Colombo, presenterà la sua ultima produzione, “Mai Cotti”, ispirata al tema dell’alimentazione della prima infanzia e in cui, attraverso l’animazione di alcuni alimenti, affronta i vari aspetti della crescita, delle conquiste fondamentali, quali la parola, il vivere emozioni come la paura e l’amore.

Gli ortaggi del fantastico mondo di Ortolandia, Finocchio, il cattivo Don Carciofo, i signori Aglio e Cipolla, il pomodoro Giò e Tata la patata prenderanno vita e racconteranno alcune divertenti storie al pubblico, che sarà seduto davanti al tavolo di animazione in mezzo alla frutta, per questa volta spettatrice insieme ai bimbi.

Alla fine dello spettacolo, i bambini saranno invitati ad avvicinarsi al tavolo per toccare con mano e giocare con i personaggi e per gustare una colorata macedonia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.