La conciliazione della Camera di Commercio per il diritto societario

Continuano gli approfondimenti di questo strumento per risolvere in modo facile ed economico le controversie

La riforma del diritto societario ha previsto la possibilità di introdurre la clausola conciliativa e arbitrale negli statuti, per risolvere le controversie relative alla materia societaria con l’utilizzo di strumenti extragiudiziari, alternativi cioè alla giurisdizione ordinaria.

E’ da sottolineare che il legislatore vede con favore i procedimenti conciliativi: tant’è vero che ha previsto che tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di conciliazione siano esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura.

La Camera di Commercio di Varese, che da tempo opera in questo campo con il Servizio di conciliazione e la Camera Arbitrale, mette a disposizione sul sito www.va.camcom.it un modello di clausola di conciliazione ed arbitrato secondo le nuove previsioni del diritto societario riformato.

Ulteriori informazioni:  Servizio di Conciliazione tel. 0332/295.311   e-mail: regolazione.mercato@va.camcom.it

L’argomento di domani:
La conciliazione della Camera di Commercio per il turismo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.