Lavoro nero e sicurezza, irregolari tutti i cantieri controllati

L’ispettorato del lavoro ispeziona 4 cantieri: 57 le violazioni penali. Preoccupazione dei sindacati

Lavoro nero sommerso e irregolarità nella sicurezza sui cantieri edili. È quanto è emerso in quattro mesi di attività dell’ispettorato del lavoro dei carabinieri della provincia di Varese. Nei mesi tra luglio e settembre sono stati controllati dalle forze dell’ordine 4 cantinieri nel territorio varesino e tutti e quattro sono stati trovati irregolari. Preoccupanti i numeri: 8 lavoratori stranieri (7 cineasi e 1 rumeno) sono stati trovati sprovvisti di permesso di soggiorno e lavoravano senza alcuna tutela; un ragazzo minorenne lavorava all’interno di un cantiere; 57 le violazioni penali riscontrate nei quattro cantieri. Inoltre, comprendendo i risultati di controlli avvenuti anche in altri cantieri, sono stati denunciate a piede libero 23 persone.

«È molto preoccupante che 4 cantieri su quattro siano stati trovati irregolari – commenta Simona Ghiraldi, segretaria provinciale della Fillea-Cgil -: 57 violazioni penali significa che sono coinvolti anche cantieri piuttosto grossi, non solo quelli a conduzione familiare. Altro dato che non lascia certo indifferenti è quello che riguarda i 7 cinesi. Fino a poco tempo fa, il lavoro nero riguardava soprattutto stranieri provenienti dal Nord Africa. Adesso si affaccia invece una nuova realtà: bisogna stare attenti. Purtroppo si parla poco di questo tipo di lavoro nero, che nasce anche da una sorta di “micromafia”: il rischio è alto anche a Varese e il fatto che non si dica niente non vuol dire che non ci siano anche da noi delle persone che la mattina alle cinque vadano in una stazione con un camioncino a raccogliere lavoratori irregolari».

I controlli dell’ispettorato del lavoro dei carabinieri continueranno anche nei prossimi mesi, assicurano dal comando provinciale dell’Arma, con particolare attenzione sia al lavoro nero sia all’annosa questione della sicurezza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.