Locarno cerca nuovi autori per piccole storie

Cortopardo è il nome del concorso di sceneggiature per cortometraggi. Primo premio la realizzazione della storia e la presentazione al rinomato festival internazionale

Il Festival Internazionale del Cinema di Locarno punta sui giovani autori. E lo fa in grande stile promuovendo per l’edizione 2005, attraverso la casa di produzione Polivideo, un concorso per sceneggiature per cortometraggio, piccole storie per piccoli film. A essere premiati non saranno i cortometraggi, ma le storie sulla carta, quelle che poi saranno realizzate dalla stessa Polivideo e che sono già state opzionate da Sky Tv per la trasmissione televisiva.

L’iniziativa si chiama “Cortopardo” ed è promossa da Polivideo SA in collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Locarno. Polivideo è una società europea di produzione televisiva con sede a Locarno, guidata da Leonardo Breccia e Alessandra Zingales e «attraverso il concorso vuole sostenere e incoraggiare la formazione di nuovi sceneggiatori per il cinema di domani – spiegano dalla casa di produzione -. Ogni anno il Cortopardo sarà dedicato a un tema specifico; quest’anno il tema prescelto è “Sognando il/al Cinema”».

 

Le sceneggiature verranno esaminate da una giuria formata da Chicca Bergonzi (Responsabile della sezione del Festival “I Pardi di Domani”), Irene Bignardi (Direttore del Festival di Locarno), Leonardo Breccia (Presidente di Polivideo SA), Nils Hartmann (Direttore Creativo canali Cinema & Entertainment di Sky Italia) e da Samir (Regista e Produttore di Dschoint Venture) che selezionerà i tre copioni che si distinguono per originalità, fantasia  e creatività.

Polivideo premierà i tre finalisti con 500 Euro, e produrrà il cortometraggio basato sulla sceneggiatura prima classificata per presentarlo all’edizione del Festival di Locarno 2005.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.