Malati e disabili: che fare?

Seconda serata di un corso presso le Acli

Prosegue  il  breve ciclo di incontri sul disagio ed il bisogno e sulle risposte di solidarietà presenti nel nostro territorio, proposto dalle ACLI e  dalla Associazione Carcerati e Famiglie, con la partecipazione di  AVULSS, CARITAS , associazione COMUNITA’ NUOVA, Fondazione  EXODUS, dalle  Cooperative  IL   SEME   e SOLASA  e  dalle  Associazioni  di  Volontariato  in  ambito  Socio  Sanitario. 

Dopo la partecipata serata dello scorso lunedì, dedicata all’esperienza della Associazione Assistenza Carcerati e Famiglie ed al ricordo di Esterina Gumiero,  Lunedì 25 ottobre presso la sede Acli di Gallarate si terrà il secondo  momento di questa serie.

 

 In questa occasione si toccheranno in particolare i temi del  malato e del disabile e delle azioni di sostegno necessarie e possibili, a partire dalla esperienza delle numerose associazioni di volontariato, in sinergia con gli ambiti e le competenze istituzionali e le operatività del terzo settore (cooperative, privato sociale, non profit).

Si tratta di un ulteriore passaggio nell’ambito del lavoro di raccordo e di ricerca di sinergie fra le diverse realtà operanti in quest’ambito.  Un percorso già avviato e che ha visto nella scorsa primavera le associazioni collaborare per dare vita alla esperienza di un “corso di formazione per una rete di solidarietà.

 

L’approccio sarà concreto e qualificato, con l’apporto degli interventi di Enrico  Aspesi responsabile della Cooperativa Sociale  Il SEME, del Dott. Carmelo Di Fazio dirigente ASL, Direttore Distretto di Gallarate, del  Dott. Franco Zaro dell’            Azienda Ospedaliera di Gallarate.

 

Nella serata si tratteggerà anche uno studio a medio termine che delinea l’evoluzione del bisogno sanitario: dalla gestione delle “emergenze” in un ottica prettamente “ospedaliera” alla gestione di situazioni di “cronicità” (post ospedaliere e non) sul territorio e domiciliari. (esigenza legata anche all’incremento della popolazione anziana).

Proprio questo quadro previsionale  e le mutate esigenze sociali pongono l’esigenza di una evoluizione della risposta delle istituzioni sanitarie verso una pluralità diffusa che può concretizzarsi, anche in questo settore, solo con la sinergia fra i diversi operatori, in una positiva rete di solidarietà.

 

Le associazioni aderenti porteranno la loro specifica esperienza e competenza:

AVULSS Associazione per il Volontariato nelle Unità Locali dei Servizi Socio-anitari; AACSM Associazione Amici Centro Studi Sclerosi Multipla; VAMIO Volontari assistenza Minori in Ospedale; AICE Associazione Italiana Contro l’Epilessia; ACAT Assistenza alle famiglie di Alcoolisti; ADG Associazione Diabetici; CAV Centro di Aiuto alla Vita; CROCE ARGENTO; ASSOCIAZIONE ALZHEIMER; ASSOCIAZIONE PARKINSON; Associazione “PER ANDARE OLTRE”; Cooperativa Sociale SOLASA; Cooperativa sociale PROGETTO 98; Cooperativa Sociale IL SEME; Fondazione EXODUS ONLUS

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.