Migliorano le condizioni di Ferrario ma si aggrava la posizione del figlio

Secondo il pm nel gesto del ragazzo ci sarebbe stata premeditazione

Le condizioni di Massimo Ferrario e della moglie Pinuccia migliorano di ora in ora tanto che potrebbero essere presto dimessi dall’ospedale di Legnano. Le ferite non sono gravi e i coniugi potranno proseguire le cure nella propria casa.
Si aggrava, invece, la posizione del figlio diciassettenne. Il pubblico ministero del tribunale per i minorenni, Ciro Cascone, lo ha incriminato per tentato omicidio premeditato chiedendo l’arresto.
Secondo il pm, infatti, quello che è accaduto martedì sera nella casa di Castellanza non può essere frutto di un raptus: l’ascia usata per colpire il padre e la madre, infatti, era ben custodita e quindi il giovane l’avrebbe impugnata dopo averla cercata. L’accusa è così diventata più pesante: da lesioni a tentato omicidio. La parola passa ora al Gip.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.