«Nessun ritorno alla prima Repubblica. Lo dicono i fatti»

La Lega Nord risponde alle accuse del centrosinistra sollevate dopo il passaggio in maggioranza di due consiglieri di opposizione

«Solo affermazioni fantasiose». Con queste parole il gruppo della Lega Nord risponde ai Democratici di sinistra che, con il passaggio dei due consiglieri della lista civica di minoranza Città Nuova nella maggioranza di Forza Italia, avevano commentato la situazione politica cittadina definendola un “ritorno alla vecchia politica”.

«È opportuno fare alcune precisazioni ed evidenziare le contraddizioni che da sempre contraddistinguono la coalizione di centro-sinistra – spiega Fabio Tonazzo, consigliere comunale del Carroccio a Tradate -. Partiamo, innanzitutto, dall’assurda affermazione riguardo un possibile ritorno della “Prima Repubblica” a Tradate. Il Consigliere si dimentica che anche il suo partito era parte integrante del vecchio sistema, basato su poltrone e clientelismi, e che la Lega Nord è stata, con le sue idee e la sua onestà, determinante nel cambiare la politica italiana».
«Successivamente Carignola si contraddice palesemente – prosegue il consigliere : prima rivendica una presunta compattezza della minoranza e subito dopo evidenzia l’entrata nella maggioranza di due consiglieri che facevano parte della minoranza! Non solo, ma dimentica che dall’inizio dell’attuale amministrazione la maggioranza ha sempre votato in maniera compatta e che, invece, i partiti della sua coalizione votano spesso in maniera diversa e sono spaccati al loro interno.

«Riguardo alla presunta perdita di voti – concludono dalla Lega -, Carignola forse scorda che confrontando i risultati delle elezioni europee del 2004 con quelle del 1999 la Lega Nord rimane sostanzialmente stabile e rispetto alle elezioni politiche del 2001 la Lega guadagna, a livello nazionale, circa un milione di voti. Questo dato è particolarmente significativo e dimostra che l’azione di governo dei nostri Ministri e dei nostri parlamentari è particolarmente apprezzata dalla gente. È evidente che la minoranza si trova a corto di argomenti per criticare l’azione amministrativa della coalizione e cerca pretesti per fare inutili polemiche. Forse, però ,la risposta migliore a tutte le loro critiche ,sono i fatti: Via Zara e Via Frescobaldi sono la migliore dimostrazione della falsità delle affermazioni catastrofiche del centro-sinistra».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.