Nove milioni di euro per rilanciare i presidi diLuino e Cittiglio

Annuncio a sorpresa del presidente della Regione Roberto Formigoni. Rotasperti: felice e fiducioso

Denaro fresco in arrivo dal Pirellone per rilanciare le due strutture da anni sulla graticola. Luino e Cittiglio riceveranno un finanziamento di 9 milioni e mezzo di euro per essere definitivamente rilanciati come presidi di zona. Sembra che il presidente della Regione voglia definitivamente chiudere la partita sui due ospedali mettendo fine ad anni di polemiche sul destino delle due strutture dell’Alto Varesotto. «Sono felice della decisione – dice il direttore generale dell’azienda Macchi Roberto Rotasperti – la cifra stanziata ci permetterà di sviluppare un progetto di consolidamento per Cittiglio e di rilancio per Luino». 
Il Confalonieri di Luino, già in parte riammodernato nella seconda metà degli anni noventa, potrà finalmente essere completato e messo in sicurezza per quanto riguarda le ultime disposizioni di legge. Il padiglione centrale tornerà completamante alla normalità funzionale grazie alla riapertura dell’ultimo piano chiuso da anni e che ospiterà una dialisi potenziata da poco. Continuerà, poi, il riammodernamento di radiologia dove i troppo vecchi macchinari verranno sostituiti, lunedì si inaugura la nuova Tac, come l’ecografo. Anche la foresteria degli infermieri, creata per migliorare le condizioni di accoglienza dei nuovi arrivati, verrà ulteriormente migliorata. Queste le prime anticipazioni fornite dal d.g. Rotasperti ora non rimane che attendere fiduciosi che non si tratti di un uscita da campagna elettorale. Nel frattempo il sindacato degli infermieri di Luino è uscito con un comunicato abbastanza duro che denuncia la carenza di personale tecnico in radiologia dove mancherebbero almeno due tecnici per garantire un servizio adeguato e continuativo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.