Paziente al Sant’Antonio muore gettandosi dal terzo piano

Fonti ospedaliere: «Una persona tranquilla, non presentava sintomi depressivi»

Era stato da poco visitato dal medico curante  e da uno specialista. Era apparso tranquillo, sereno, lucido. Pochi minuti dopo si è consumata la tragedia. Si è buttato dal 3° piano del padiglione medico dell’ospedale Sant’Antonio Abate, morendo sul colpo. È successo intorno alle 13.30. 
Un uomo, di circa 70 anni, sulla cui identità le fonti ospedaliere mantengono riserbo, si è tolto la vita con un gesto che apparentemente non trova spiegazioni. 
Il degente, ricoverato da alcuni giorni per  una malattia neoplastica, aveva da poco ricevuto la visita di uno specialista accompagnato dal medico curante. La visita si è svolta, secondo le prime testimonianze, regolarmente, senza nessun sentore di quanto sarebbe successo da lì a poco. Il paziente era tranquillo, non manifestava segni agitazione o sintomi depressivi. Un paziente curato e accudito anche dalla sua famiglia. 
Poco dopo la visita, il medico curante ha avvertito un forte tonfo. L’uomo era riverso a terra, precipitato dal terzo piano della struttura. 
Il personale medico giunto sul posto non ha potuto che costatare il decesso. La direzione medica ha immediatamente denunciato il fatto alla Magistratura e alle Autorità competenti che hanno preso in consegna la cartella clinica del paziente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.