Per difendersi dalla crisi, Smau ha inventato il nuovo focolare tecnologico

Si è chiuso Smau 2004: aria da austerity, ma innovazioni tecnologiche che riportano la famiglia intorno ad un unico oggetto

Aldilà dei trionfalismi letti in questi giorni, non c’è dubbio: è stato uno Smau da austerity quello che si è visto nella quattro giorni conclusa oggi nei padiglioni della Fiera di Milano. Pochi stand trionfalistici, un po’ di buchi vuoti, gadgets col contagocce e molto più spazio riservato alla vendita – come dire, quello che prima si regalava ora si vende.
I Vistatori però, anche se non sono più le folle impazzite di un tempo, comunque non sono mancati: perchè Smau è innanzitutto il sistema primario per vedere tutte le anticipazioni Hi Tech della stagione e, con la nuova formula adottata, anche un sistema per cominciare a vendere queste anticipazioni. La voce più positiva della fiera infatti è stato il fatturato di Smaushop e Smaubookshop – gestiti ripettivamente dalla catena Saturn-Mediamarket e da Mondadori – che ha visto un fatturato di due milioni di euro, e della zona chiamata Ecommerceland, dove era possibile sperimentare in Fiera l’ebbrezza dell’acquisto on line, che ha fatturato oltre un milione di euro con oltre 250 mila visitatori.

La principale novità partorita dallo Smau 2004 riguarda soprattutto l’inevitabile – e ora finalmente concretizzata –  interconnessione tra Pc, Tv, Dvd, Cd, digitale terrestre, divx, foto digitali e chi più ne ha più ne metta: il sospetto che tutte queste attività, fino ad ora suddivise tra tv, computer, playstation e accessori tecnologici vari potessero costituire un unico focolare son diventate realtà.
Sotto l’abbraccio materno di Microsoft, che rende possibile l’interconnessione con la versione "Multimedia edition" di Windows XP, gestibile dal telecomando invece che dal normale mouse, le principali case di produzione hardware hanno creato la nuova generazione dei computer, quelli che mettono insieme tutte le attività di gioco, di lavoro e di divertimento della famiglia.
Piccolissimo o in radica un po’ retrò, con stampante o home theatre, davanti al divano della famiglia tecnologica del 2005 ci sarà un grande schermo da cui sarà possibile vedere la televisione, interagire con lei col digitale terrestre o il satellite, ascoltare cd, vedere le foto delle vacanze (Magari col sottofondo della propria musica preferita) vedere un dvd, giocare, navigare in internet o molto semplicemente mettersi a scrivere un documento word o excel con uno schermo più visibile e confortevole degli altri, mentre dallo stesso telecomando si programma la propria colonna sonora.   Questo è, senza alcun dubbio, il "pezzo" forte intorno a cui gira tutto lo Smau. Ma non mancano però altre novità notevoli, che costituiscono il trend della tecnologia 2005.
E’ da segnalare innanzitutto la sempre più ampia multifunzionalità dei telefonini: che se non possono fare foto, mandare mail, e suonare in tutte le maniere possibili non vengono nemmeno più considerati. L’ultima frontiera è infatti quella dei gps, dei palmari e dei lettori mp3 integrati ai cellulari: per viaggiare, ascoltar musica o portarsi dietro l’ufficio semplicemente tenendosi in tasca il telefonino.

Non è mancata naturalmente anche la parte "giochi" allo Smau, con uno spazio enorme dominato dalle gare su playstation per la gioia delle centinaia di migliaia di ragazzini coinvolti e principali novità dell’autunno. Tra questi fanno sempre più capolino i giochi dove il joystick è rappresentato da un tappeto, e per giocare bisogna ballare o saltare: una scusa per fare un po’ di movimento davanti alla consolle.
Nel complesso, la nuova sistemazione di Smau 2004 ha permesso  una suddivisione – e una fruizione – più ordinata della fiera: la parte riservata ai consumatori e quella alle imprese e all’ufficio sono state ben separate dalla parte dedicata all’E-governement che ha fatto da spartiacque "di servizio" – con i suoi stand dove si poteva vedere il volto Hi Tech dei Carabinieri o dei Musei – tra il "rebelot" legato a telefonini e i pranzetti di lavoro degli stand destinati al business dell’Hi Tecnology, evitando perlomeno di irritare gli operatori.
Un segno di razionalità che può convincere questi ultimi a rinnovare la fiducia in Smau 2005, che si svolgerà dal 20 al 24 ottobre del prossimo anno: con la certezza dei soliti – tanti – visitatori e la speranza di un numero maggiore di espositori fiduciosi nel futuro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.