Perché non mi vedi? Il territorio di fronte all’abuso dell’infanzia

A Somma Lombardo al Castello Visconti di San Vito un convegno-workshop. Tra i partecipanti anche la pediatra canadese Marcellina Mian

Perché non mi vedi? È la domanda che ogni bambino vittima di abuso vorrebbe fare agli adulti che si prendono cura di lui. Ma è la domanda che dovrebbe farsi la società tutta, ancora intrappolata in un meccanismo di negazione e rimozione di un tema tanto doloroso ed emotivamente coinvolgente come l’abuso sui minori.

Perché non mi vedi? E’ la domanda che relatori e partecipanti all’iniziativa promossa dalla Provincia di Varese si porranno durante il convegno e i workshop in programma per il 19 e 20 novembre al Castello Visconti di San Vito, Somma Lombardo (Varese).
Il convegno e le sessioni di lavoro nascono come proposta di rilettura di un modello integrato di intervento di prevenzione all’abuso, per insegnanti, genitori, alunni, che da alcuni anni si sta sperimentando nel nord-Italia in ambiti territoriali con caratteristiche e problematiche diverse: Milano, città metropolitana, Vercelli, ambito provinciale, Somma Lombardo, ambito distrettuale.
Il desiderio è di fare chiarezza, dare risposte, ipotizzare nuovi percorsi di territorio, affinché le vittime di abuso non siano più intrappolate nella gabbia della paura e del silenzio.

L’evento, organizzato in collaborazione con l’Ambito Distrettuale di Somma Lombardo, l’Azienda ospedaliera Sant’Antonio Abate di Gallarate, la Fondazione Visconti di San Vito, l’Azienda Sanitaria Locale di Varese, l’Istituto di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università degli Studi di Milano, il Lions’s Club Sesto-Somma, vede tra i relatori anche la prestigiosa presenza della professoressa Marcellina Mian, pediatra canadese di fama mondiale e presidente dell’ISPCAN (Associazione internazionale per la prevenzione dell’abuso all’infanzia).

Le iscrizioni si chiudono il 30 ottobre. Il convegno si terrà Venerdì 19 e sabato 20 novembre 2004 presso il Castello Visconti di San Vito, Somma Lombardo (Varese)
Per ulteriori informazionitelefono 0322 83 64 49 (mercoledì e venerdì 10 – 13) oppure 335 13 44 491 (orario ufficio) 

Fax 0322 83 15 04, E-mail: prevenzioneabuso@vedogiovane.it
Convegno e workshop sono a numero chiuso pertanto le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.