“Petali”, gli artigiani escono dalle botteghe

Inaugurata a Ville Ponti la mostra mercato dell'artigianato artistico varesino

Finalmente possiamo vedere le opere degli artigiani: è stata inaugurata “Petali, creatività in fiore”, manifestazione voluta dalla camera di Commercio di Varese e dalla Provincia di Varese e realizzata in collaborazione con l’Associazione Artigiani della Provincia di Varese, Confartigianato, CNA, Acai, Associazione ristoratori di Uniascom e Associazione Gourmet e Ristoratori. A Ville Ponti i fiori sono protagonisti: vere e proprie opere d’arte degli artigiani di Varese e provincia, che con questa mostra mercato escono dalle botteghe e si presentano al pubblico.

Il vice presidente della Camera di Commercio, Walter Baggini, ha fatto da padrone di casa: «Questo evento è stato pensato per valorizzare un patrimonio del nostro territorio, fatto di opere di artigiani artisti, che con le loro opere rendono al meglio lo spirito varesino. L’impegno per giungere a questa iniziativa è partito dalla solida base del successo ottenuto dalla mostra mercato dell’artigianato artistico varesino dello scorso anno. Quest’anno il tema è “Petali, creatività in fiore”. C’è la possibilità di acquistare i manufatti degli artisti in un apposito spazio. Inoltre, quest’anno ci avvaliamo della collaborazione di otto comuni, che hanno partecipato alla mostra fotografica “Le botteghe di ieri e di oggi”». Anche Roberto Bosco, assessore provinciale, si è detto soddisfatto della manifestazione: «È il frutto di un progetto. Puntiamo a proseguire i prossimi anni, con l’idea di rendere itinerante la mostra mercato per valorizzare anche i comuni più piccoli, ma non meno importanti. Il tavoloArtes, che ha coinvolto tutte le associazioni di categoria insieme alla Provincia, è stato un mezzo fondamentale per elaborare un percorso che sta dando i suoi frutti».

Entusiasti gli artigiani, protagonisti con le loro opere. Riccardo Pietro Visentin, dell’Associazione provinciale Artigiani – Confartigianato ha sottolineato «l’importanza del percorso fatto con Camera di Commercio, Provincia e comuni. La pianificazione sta dando i suoi frutti, lavoreremo insieme per migliorare ulteriormente. In mostra oggi ci sono le opere di tanti artigiani, dimostrazione del fatto che non pensiamo solo alla produzione». Giangalileo Frattini, di CNA, ha evidenziato «l’alto livello delle opere in mostra. La qualità sta aumentando sempre di più, le eccellenze della provincia, come la produzione orafa di del gallaratese, vengono alla luce con manifestazioni del genere. Per il futuro appoggiamo quanto detto da Bosco: portare la mostra mercato in giro per la provincia può solo alimentare la voglia di turismo di Varese».

In mostra, gratuitamente come tutti gli eventi in programma, anche le opere di un ospite speciale: alle Ville Ponti ci sarà, infatti, uno spazio dedicato a Giovanni Battista Podestà, l’artista lavenese – tra i protagonisti dell’Art Brut del Novecento europeo con le sue opere realizzate utilizzando anche materiale di recupero – che sarà ricordato, a vent’otto anni dalla sua scomparsa avvenuta proprio a Laveno nei luoghi della mostra. Inoltre, sempre a Ville Ponti, al primo piano del Centro Congressi, si può visitare un’esposizione fotografica intitolata “Le botteghe di ieri e di oggi”, creata con la partecipazione di tredici Amministrazioni comunali: Angera, Busto Arsizio, Castiglione Olona, Gallarate, Gavirate, Lavena Ponte Tresa, Laveno Mombello, Luino, Porto Ceresio, Saronno, Sesto Calende, Varese e Viggiù. In questi comuni, nel frattempo, è in pieno svolgimento (dal 22 al 31 ottobre) “Un fior di menù”, rassegna gastronomica territoriale a tema, con un prezzo fisso in tutti i 21 ristoranti aderenti di 22 euro bevande escluse.

Tutte le informazioni su Petali

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.