Polizia locale e bici in città, Rifondazione all’attacco in consiglio comunale

Gli straordinari nella Polizia locale e la proposta di biciclette gratis per gli spostamenti in città all'esame dei comunisti bustocchi

In vista del consiglio comunale di questa sera, Rifondazione Comunista mette sul piatto due questioni relative alla polizia locale e all’uso della bicicletta in città.
Nel primo caso si tratta di un’interrogazione urgente a risposta orale. I consiglieri Corrado e Lofano chiedono conto al Sindaco e all’Assessore al Bilancio del perchè si sia praticamente reso obbligatorio
per i vigili urbani
svolgere gli straordinari. Infatti il loro turno mattutino abituale, sei ore (7,30-13,30), viene prolungato d’autorità fino alle 15. La rappresentanza sindacale unitaria (RSU), riunitasi il 28 settembre scorso, ha contestato l’insussistenza dei motivi di eccezionalità o particolare urgenza previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro come unica giustificazione per imporre gli straordinari. A questo punto i consiglieri comunisti intendono approfondire il perchè si sia agito in questo modo, oltretutto spendendo denaro pubblico per pagare le ore di straordinario.

Sul tema delle biciclette in città Rifondazione ripropone una sua risoluzione già presentata (e bocciata anche dall’Ulivo) in fase di bilancio preventivo 2004. Anche in vista della più volte annunciata creazione di una rete di piste ciclabili cittadine, si invita l’amministrazione "ad approntare con urgenza un servizio pubblico e gratuito di biciclette che possa incentivare tra la cittadinanza l’uso di tale mezzo per i brevi spostamenti in città". Inoltre si chiede

di creare ricoveri e rastrelliere per le biciclette dei privati, che attualmente vengono lasciate dove capita in mancanza di spazi ad esse destinati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.