Rotary: golf e solidarietà tra Ticino e Lombardia

Destinati 4mila euro e 3mila franchi a sostegno di Associazioni di Volontariato. Sesta edizione del Trofeo promosso dalla Commissione Iniziative Insubriche

E’ ormai diventata una piacevole consuetudine: durante il periodo estivo, con l’appendice conclusiva all’inizio dell’autunno, i giocatori di golf rotariani si sfidano in una competizione a scopo benefico.

 

Si è conclusa con la terza tappa – svoltasi sui campi di Monticello, nel Comasco, che ha fatto seguito a quelle disputatesi ad Appiano Gentile, sempre in provincia di Como, e a Losone, in Canton Ticino – la sesta edizione del “Trofeo di Golf Rotary Regio Insubrica”, organizzata dalla Commissione Iniziative Insubriche che riunisce i club rotariani della zona a cavallo del confine in collaborazione con l’Associazione Italiana Rotariani Golfisti.

Al termine di tre giornate di competizione in cui i molti partecipanti hanno saputo combinare le loro doti di abili golfisti con un sano spirito agonistico e con l’amicizia rotariana, il successo è andato al comasco Massimo Scolari, esponente del Golf Club Villa d’Este.

 

Ma ancor più significativo del risultato sportivo è stato il successo riscontrato dall’iniziativa sul piano della raccolta dei fondi da destinarsi a iniziative di solidarietà, grazie anche all’intervento di numerosi e ormai fedeli sponsor: tra questi, si possono citare la concessionaria Rivauto di Como e la ditta Peverelli di Fino Mornasco oltre alla Banque Piguet con la sua sede di Lugano e la gioielleria Fontana di Varese.

Tre le Associazioni di Volontariato che hanno così potuto beneficiare delle risorse ricavate dagli organizzatori:

·        La San Martino onlus, cui sono stati destinati 2mila euro per la sua attività di raccolta di abbigliamento nuovo e usato nonché di altri prodotti merceologici da distribuire gratuitamente a persone in difficoltà. L’iniziativa è sorta in seno al Rotary Club Varese Ceresio e la distribuzione del materiale raccolto è seguita direttamente dia soci rotariani, che s’avvalgono di associazioni umanitarie e di persone di buona volontà.

·        L’Organizzazione Ticinese Assistenza Fanciullezza (Otaf), alla quale sono stati destinati 3mila franchi per l’acquisto di un cavallo con cui svolgere l’attività di ippoterapia presso la Fattoria di Origlio.

·        L’Associazione Maria Oasi della Salute onlus, che ha ricevuto 2mila euro per la sua casa d’accoglienza di Arcisate per persone disadattate, sole ed economicamente in difficoltà (etilisti, malati terminali o anziani abbandonati). Fondata dal padre camilliano Albino Turcato, la casa offre agli ospiti un servizio di vitto e alloggio oltre che di lavanderia insieme all’assistenza sanitaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.