Smaltimento rifiuti, Accam: «Da oggi costa meno»

Abbattuta la soglia di 90 euro a tonnellata. Il consiglio di amministrazione ha deliberato la riduzione del 4% della tariffa

Smaltire rifiuti all’Accam costerà meno. Il consiglio di amministrazione del consorzio, infatti, nella seduta del 12 ottobre ha deliberato la riduzione del 4% della tariffa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani portando il prezzo da 93,5 a 89,76 euro a tonnellata.

 

La misura è il risultato della superiore efficienza dei forni, – fabnno sapere da ACCAM – un aspetto tecnico che ha avuto riflessi in sede contabile; l’accresciuta funzionalità dei forni, infatti, ha migliorato i conti economici dell’anno in corso e l’andamento favorevole dei conti permette alla Spa di ridurre le tariffe, con decorrenza già dal 1° gennaio 2004.

 

«Si tratta di una misura che segna un’inversione di tendenza in una situazione caratterizzata dall’aumento generalizzato del costo della vita e, in particolare, delle tariffe di tutti i servizi pubblici – commenta il presidente di Accam Sergio Parini. La riduzione vale per il 2004, ma è, ovviamente, nostra intenzione proseguire questa politica nel 2005. E’ la dimostrazione, qualora ce ne sia bisogno, che Accam opera non per realizzare profitto, ma per rendere il miglior servizio restando sul mercato e rispettando le sue regole». La misura assume anche un significato storico: il consorzio Accam non aveva mai praticato una tariffa così bassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. "Bisogna anche considerare che con l’applicazione di questa tariffa, che ora si è fatta più leggera, Accam è in ogni modo in grado, senza gravare sui Comuni soci, di far fronte ai costi derivanti dal mutuo acceso per pagare l’impianto di termovalorizzazione, costato oltre 100 miliardi delle vecchie lire – ricorda Parini. È un piccolo aiuto quindi agli enti locali e agli equilibri della loro spesa corrente". Con la riduzione della tariffa, i soci avranno un risparmio complessivo di circa 450mila euro per l’anno in corso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.