Stadio più sicuro, al Meazza arrivano i defibrillatori

A gestire il nuovo servizio un team di otto medici. Dal 1990 ad oggi oltre 10 mila gli interventi sanitari allo stadio

Defibrillatori al "Meazza" per soccorrere gli evenutali attacchi cardiaci di tifosi e non. Questo quanto annunciato oggi dalla Regione Lombardia per assicurare maggior tranquillità alle decine di migliaia di tifosi che tutte le domeniche affollano lo stadio di Milano.
Troppo spesso, infatti, quando si parla di sicurezza allo stadio il pensiero va tristemente a parare ai problemi collegati all’ordine pubblico. In realtà sono diverse le problematiche per assicurare un adeguato soccorso sanitario quando si è di fronte ad assembramenti imponenti di persone.
Basti pensare che dal 1990 ad oggi sono stati oltre 10.000 gli interventi sanitari al "Meazza".
Il nuovo servizio sarà svolto da otto medici, di cui quattro rianimatori, e 11 infermieri di emergenza, che fanno capo all’ospedale Salvini di Garbagnate (sino allo scorso campionato a mettere a disposizione medici e infermieri erano gli Istituti Clinici di perfezionamento), più 120 soccorritori di associazioni di pubblica assistenza che forniscono anche i mezzi, tra cui un centro mobile di rianimazione.
Sarà anche possibile teletrasmettere dati e immagini in tempo reale alla centrale operativa del 118 e alla rete degli ospedali milanesi e della provincia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.