Stop al parcheggio delle biciclette sugli alberi

Nelle scorse settimane erano state sollevate polemiche per la mancanza di posteggi per biciclette alla stazione. In arrivo nuove rastrelliere

Sono circa 520 i posti disponibili nelle rastrelliere per le biciclette a ridosso dell’area della stazione delle Ferrovie Nord di “Saronno Centro”: un numero decisamente consistente, che dovrebbe permettere agli utenti di soddisfare tutte le esigenze, considerando anche il fatto che a poca distanza dallo scalo ferroviario vi è un deposito gestito direttamente dalle Ferrovie, e capace di ospitare all’incirca 400 biciclette, a prezzi decisamente contenuti: in totale circa un migliaio di posti disponibili. 

«Nelle scorse settimane – spiega l’assessore al Verde Sergio Giacometti – siamo dovuti intervenire per rimuovere diverse bici che erano state abusivamente posizionate a ridosso della zona di piazza San Francesco, attaccate per lo più agli alberi. Ma il nostro intento non è assolutamente quello di reprimere l’uso di questi mezzi; semplicemente vogliamo regolamentare la sosta delle biciclette nel centro cittadino, e ci siamo adoperati per fornire agli utenti diverse possibilità per “parcheggiare” i propri mezzi».

Dopo i recenti interventi, sono ora disponibili, nella sola area attorno alla stazione di “Saronno Centro” tantissimi posti per lasciare le biciclette. Segnatamente, le rastrelliere (comprese quelle installate recentemente) sono posizionate in piazza San Francesco (60 posti), via Diaz (80 posti), corso Italia, di fronte alla chiesa San Francesco (100 posti), via Cantore (140 posti) e via Carcano (altri 120 posti).

Afferma l’assessore alla Sicurezza Massimiliano Fragata: «L’amministrazione civica, nel recente passato, ha provveduto alla rimozione solo per poter eseguire la manutenzione degli alberi; ciò in forza di un’esistente ordinanza appositamente emessa per l’effettuazione di tali lavori: troppi erano i mezzi legati agli alberi, magari di piccolo fusto, che ne provocavano il deperimento».

«Oggi si interviene per regolamentare in modo generalizzato la sosta delle biciclette su tutto il territorio cittadino. L’ordinanza recentemente predisposta non ha assolutamente carattere punitivo o repressivo, tanto che in essa si prevede solamente il rimborso delle spese di rimozione e trasporto. Né tanto meno tale provvedimento è considerabile come disincentivante all’uso delle due ruote, perché i ciclisti potranno comunque avvalersi di quasi un migliaio di posti bici, di cui 520 gratuiti e vicinissimi alla stazione di Saronno Centro. A fronte dei continui sforzi dell’Amministrazione nel promuovere i diritti dei ciclisti, a questi ultimi si chiede semplicemente l’osservanza di poche regole che salvaguardano gli spazi comuni».

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.