Una biblioteca popolare per Sant’Edoardo

L'iniziativa promossa dal professor Gian Battista Roggia, storico ex docente del Liceo Classico e fondatore della biblioteca civica

Per il quartiere di Sant’Edoardo è tempo di festa patronale (12-13 ottobre). Per l’occasione è stato presentato il progetto della biblioteca popolare della parrocchia, che offrirà in libera consultazione numerosi libri, principalmente classici della letteratura. A donare i volumi è stato Gian Battista Roggia, 91 anni, fondatore della biblioteca civica di Busto Arsizio e per decenni insegnante al Liceo Classico cittadino, che ha messo a diposizione del pubblico molti volumi. Del resto Roggia è da sempre un convinto assertore assertore della tesi secondo cui i libri non devono restare confinati tra gli scaffali, bensì vivere una propria vita tra le mani dei lettori. Soddisfatto anche il parroco di Sant’Edoardo don Giuliano Mattiolo, che si attende presto nuove donazioni con cui arricchire progressivamente la biblioteca di quartiere fino a farne un vero piccolo presidio culturale dedicato alle buone letture. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.