«Una commissione per l’indipendenza dell’Ospedale»

Il coordinatore di Forza Italia propone la nascita di un organo consiliare. Favorevole anche il sindaco con spazio anche alle forze di opposizione

«L’idea lanciata tempo fa da Forza Italia circa una fondazione per la gestione dell’ospedale cittadino, autonomo rispetto all’azienda di Busto Arsizio, ha trovato larghi consensi sia fra i cittadini, sia fra i medici». Secondo il coordinatore cittadino di Forza Italia, Carlo Mazzola, prosegue il percorso per l’autonomia dell’ospedale di Saronno. «Gli esperti in materia e le autorità competenti stanno già facendo la loro parte per verificare costi/opportunità, modalità, possibilità. È giunto ora il momento di dare spazio alle voci, alle opinioni, dai cittadini rappresentati nelle istituzioni democratiche». Fin dalla costituzione dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio, in cui convergono anche gli ospedali di Saronno e Tradate, il nosocomio di Saronno ha sempre cercato una propria indipendenza, anche la costituzione di un apposito comitato costituito da medici, infermieri o semplici cittadini.

 

«Abbiamo proposto al sindaco Pierluigi Gilli, di nominare una commissione per la fondazione dell’ospedale di Saronno – aggiunge Mazzola -, col compito di appurare l’effettivo vantaggio che deriverebbe da tale ente e dare modo a tutte le parti politiche di avere le informazioni di cui necessitano in maniera da poter effettuare pienamente il giusto controllo. Il sindaco Pierluigi Gilli, in prima battuta, si è già detto favorevole con la proposta di Forza Italia, pur riservandosi di fare degli ulteriori aggiustamenti. Al momento l’idea è quella di istituire un commissione consiliare paritetica. Consiliare per garantire la trasparenza dell’operazione dando modo alle autorità deputate dal popolo di poter compiere ogni accertamento. Il carattere di parità numerica che si vuole conferire alla commissione è un fatto eccezionale, in quanto concerne una tematica fuori dall’ordinario e, inoltre, in materia di sanità, dove tutti i cittadini sono coinvolti indipendentemente dal colore politico e, quindi, ci è parso giusto fare in modo che almeno un rappresentante di ogni gruppo eletto in consiglio comunale potesse farvi parte».

 

Secondo il partito degli “azzurri”, la commissione per la fondazione dell’ospedale sarebbe presieduta dal sindaco o da questi delegata all’assessore competente per la sanità, Luciano Cairati,  composta da dieci membri: cinque di maggioranza e cinque di opposizione, così da assicurare un rappresentante per ogni gruppo di minoranza, cioè Lega, Uniti per Tettamanzi, Rifondazione Comunista, Verdi e Saronno Futura. «Questa facoltà che riconosciamo alle opposizioni è una garanzia di pluralismo che auspichiamo possa essere, una volta tanto, collaborativo e fruttuoso – conclude Mazzola -. Alla commissione potrà partecipare, di volta in volta, se il presidente riterrà opportuno invitarlo, uno o più esperti o un consulenti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.