Una serata per comprendere i Buchi neri

L'iniziativa è organizzata dal Gruppo astronomico tradatese che quest'anno festeggia il trentesimo anno di vita

Riprende dopo  la consueta sosta estiva, l’attività del GAT, Gruppo Astronomico Tradatese  che quest’anno celebra il trentennale della sua fondazione. Lunedì 11 ottobre 2004, alle ore 21.00, in Tradate, presso il CineTeatro P.GRASSI, il Gruppo Astronomico Tradatese ha organizzato una “serata speciale” di cultura astronomica e cinematografica sul tema “I buchi neri”, la più distruttiva forza dell’Universo. La serata, che si preannuncia di grande interesse, anche in conseguenza delle nuove controverse ipotesi circolate  negli ultimi mesi ad opera  del mitico  S. Hawking, lo scienziato inglese  da tutti riconosciuto come il padre dei buchi neri. Al Cine P.GRASSI si parlerà, tra l’altro, anche  di come la cinematografia e la letteratura si sono occupati dei misteriosi buchi neri che, come noto,  rappresentano lo stadio finale dell’evoluzione di stelle di grande massa. Queste stelle, esplodendo come supernovae, lasciano in certi casi come residuo un nucleo superdenso la cui  gravità  è così  elevata  da ingoiare tutto verso il proprio centro non lasciando sfuggire verso lo spazio esterno neanche la sua luce (i buchi neri dunque appaiono NERI  non perché  non emettano  luce,  ma solo perché  la loro luce, pur viaggiando a 300 mila km al secondo, non ce la fa  a sfuggire  all’immenso campo gravitazionale della stella).  . 

Venticinque anni fa, nel 1979, è stato prodotto dalla Walt Disney uno spettacolare film dal titolo “THE BLACK HOLE – IL BUCO NERO” (The Black Hole, USA, 1979), di Gary Nelson, con Maximilian Schell, Anthony Perkins, Ernest Borgnine. Il film, che ottenne due nomination all’Oscar per gli effetti speciali e per la fotografia, è un fantastico viaggio ai confini dell’ignoto ed è l’occasione per presentare al grande pubblico quei “mostri del cielo” che sono i “buchi neri”. E’ infatti il caso di sottolineare che questo film è stato realizzato proprio nel periodo in cui le teorie sull’esistenza e sulle peculiarità dei “buchi neri” sono iniziate a circolare tra la gente comune, perché rese popolari anche da personaggi come Stephen Hawking.  L’anno successivo, nel 1980, in Italia è stato pubblicato da Arnoldo Mondatori Editore (Milano) il romanzo omonimo scritto da Alan Dean Foster, un apprezzato autore di “novelizations” di film di fantascienza di grande successo, tra cui – oltre a “THE BLACK HOLE” – “LA  COSA”, “STARMAN” e “ALIEN”.

 

Vari sono i temi presenti nel film come nel romanzo: la coincidenza genialità/follia, lo scontro tra macchine e esseri viventi, il desiderio di conoscenza e il viaggio verso l’ignoto. Sia la pellicola che il romanzo invitano gli spettatori e i lettori – se non allo studio (professionistico o amatoriale) del cielo – quanto meno alla contemplazione dei fenomeni celesti e, perché no, alla riflessione sul ruolo rivestito dall’uomo nell’Universo. Relatore della serata sarà ancora una volta il dottor Giuseppe Palumbo, esperto di storia dell’ Astronomia e della cinematografia, laureato in “Pedagogia” presso l’Università degli Studi di Bari; quindi perfezionatosi in: “Discipline Filosofiche e Storiche” presso l’Università Bocconi di Milano con un Progetto di Ricerca sulla “Cosmologia”. La grande preparazione  del relatore  rende questa serata  adatta ad un pubblico molto vasto,  giovane e meno giovane, cui il GAT offrirà  una ghiottissima possibilità di comprendere  con poco sforzo ed in maniera intuitiva  uno  dei fenomeni   cosmici più importanti  e controverso della moderna astrofisica.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.