Volontè uccise moglie e figlia. Sentenza d’appello più pesante

Condannato a dodici anni l'uomo che, nel novembre 2001, uccise a coltellate la moglie Patrizia Durengon e la figlia Giulia

Era il 24 novembre 2001 quando, nella sua abitazione di Abbiate Guazzone, Pietro Volontè uccise a coltellate la moglie, Patrizia Durengon di anni 35, e la figlia Giulia, di soli 9 anni. 
Dopo tre anni e mezzo il giudice d’appello ha deciso la condanna.

Contro la sentenza di primo grado (della durata di sei anni, due mesi e venti giorni), che lo riconosceva colpevole dell’omicidio della moglie con l’attenuante della seminfermità e lo assolveva per quello della figlia, aveva presentato ricorso la Procura Generale.

La Corte d’Assise d’appello presieduta da Sante Belfiore, a fronte dei 18 anni di reclusione richiesti nella requisitoria dal sostituto procuratore generale Laura Bertolè Viale, ha condannato Volontè a 12 anni, oltre al risarcimento delle maggiori spese di giudizio per la costituzione della parte civile. Il Volontè, infatti, è stato riconosciuto colpevole dell’omicidio di entrambi i suoi famigliari, quindi anche della piccola Giulia.

Sentenza accolta dall’imputato nel più assoluto silenzio. Le parti valuteranno ora l’eventualità di un ricorso in Cassazione.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 marzo 2005
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore