A Cardano recupero dei boschi per un paese a misura d’uomo

Quindici ettari di bosco recuperati grazie all’intervento del comune di Cardano al Campo, dell’Ersaf e del Parco del Ticino

Vita nuova per 150mila metri quadri di bosco a Cardano al Campo: in questi giorni sono iniziati i lavori per la pulizia e il rinfoltimento di buona parte della cosiddetta “Brughiera”. Il progetto è finanziato nell’ambito delle azioni di mitigazione e  valorizzazione del paesaggio rurale dell’area intorno a Malpensa.

L’iniziativa è possibile grazie alla collaborazione dei privati proprietari e del Parco del Ticino che hanno acconsentito alla sistemazione gratuita dei terreni da parte dell’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e le Foreste.

L’obiettivo generale, che si prevede sia raggiunto entro il 31 marzo, è il recupero paesaggistico del bosco. Oltre ad effettuare interventi di semplice sistemazione, si provvederà a conservare e tutelare le brughiere, le querce e i carpini, evitando che alcune specie esotiche sostituiscano la flora originaria di questi luoghi. Quindi grande attenzione alla conservazione e al miglioramento dell’equilibrio naturale.

In alcune zone, dove è previsto il sottobosco, mediamente si procederà a posizionare 100 piantine per ettaro, di cui l’80% sarà di arboree e al 20% di arbustive, scelte tra queste specie: carpino bianco, rovere, tiglio, acero, nocciolo, biancospino.

«L’auspicio» spiega Giorgio Bodio (assessore allo sport e all’ambiente) «è di vedere nei nostri boschi sempre più persone in bici o a piedi, e di vedere ancora i bambini delle nostre scuole divertirsi in progetti educativi che promuovono il rispetto per l’ambiente».

E per Luigi Iametti (consigliere delegato all’ecologia): «Viene confermata la nostra vocazione alla salvaguardia del bosco, per favorirne la sostenibilità e la fruizione da parte dei cittadini. Sarà utile documentare con fotografie il “prima” e il “dopo”, per evidenziare il miglioramento del patrimonio forestale. Mi auguro che anche il prossimo anno si possano attuare questi interventi su altre porzioni di bosco  e continuare il percorso di valorizzazione storico-ambientale intrapreso in questi ultimi anni».

Per ulteriori informazioni:

http://www.ersaf.lombardia.it/

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2005
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.