Dichiarazioni dei redditi telematiche: no ai nuovi obblighi a carico di contribuenti e associazioni di categoria

«Un’innovazione inaccettabile», afferma Giorgio Merletti, presidente dell’Associazione Artigiani di Varese

L’Associazione Artigiani della Provincia di Varese si dice contraria ai nuovi obblighi – previsti in due emendamenti al Decreto legge fiscale n. 203/2005 e approvati dalla Commissione Bilancio del Senato – a carico dei contribuenti e degli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni dei redditi, vale a dire le Associazioni di categoria e tutti i professionisti del settore.

Il primo aspetto contestato riguarda l’obbligo, per i contribuenti, di effettuare i versamenti delle imposte con procedura telematica in proprio, oppure per il tramite di un intermediario abilitato a cui occorrerà comunicare le coordinate del proprio conto corrente dal quale l’Agenzia delle Entrate attingerà le risorse per l’incasso.

In tal modo si imporrebbe a tutti i contribuenti di possedere un conto corrente. Inoltre, per questo nuovo compito, finora svolto dalle banche e dalle poste con il riconoscimento di un compenso, secondo la formulazione letterale dell’emendamento, agli intermediari non viene riconosciuto alcuna remunerazione, costringendoli a trasferire gli oneri aggiuntivi sui contribuenti.

Inoltre, gli intermediari sarebbero costretti a sostituirsi all’Agenzia delle Entrate e a comunicare al contribuente eventuali errori riscontrati dall’Amministrazione finanziaria a seguito della liquidazione della dichiarazione dei redditi. Con il rischio di subire pesanti sanzioni in caso di inadempienza e, qualora il contribuente nel frattempo si sia rivolto ad un altro intermediario, di dover seguire le ‘tracce’ del vecchio cliente.

«Un’innovazione che l’Associazione Artigiani – afferma Giorgio Merletti, Presidente della struttura di Viale Milano – considera inaccettabile e che contrasta con il principio della conoscibilità degli atti contenuto nello Statuto del Contribuente. La comunicazione di eventuali errori o inesattezze deve essere, infatti, effettuata direttamente dall’Amministrazione finanziaria nei confronti dei contribuenti».

Per questi motivi Confartigianato, e le altre confederazioni dell’artigianato peraltro non preventivamente consultate in merito all’introduzione di queste nuove responsabilità a loro carico, sollecitano la soppressione degli emendamenti o, in alternativa, la possibilità di rendere facoltativi i nuovi adempimenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2005
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.