«Vengono sollecitati sin dal loro primo giorno in ateneo»

A parte lo sbandamento iniziale la Liuc è riuscita a mantenere un trend positivo nei viaggi studi

L’internazionalizzazione alla Liuc è di casa. Complice la residenza interna, al Cattaneo è normale sentir parlare lingue differenti. Gli accordi internazionali sono ben 88, un primato in Italia, e il numero degli studenti in "viaggio" è sempre elevatissimo.  L’avvento della riforma, in effetti, ha provocato qualche sbandamento, subito recuperato dall’efficiente ufficio internazionalizzazione. ( nella foto gli studenti reduci dal soggiorno in Cina) 

«Il primo anno della riforma abbiamo avuto meno partenze – ricorda Fiona Hunter, responsabile del settore in Liuc (nella foto sotto) – Le innovazioni introdotte avevano sconvolto un po’  i piani di studio. Dall’anno successivo, però, ci siamo organizzati e il trend è tornato normale».

All’università Carlo Cattaneo, sin dal primo incontro, alle matricole si spiegano occasioni e vantaggi dei viaggi studio: «Iniziamo subito a stimolare gli studenti sia per la composizione del piano di studi che tenga conto di questa esperienza, sia perchè inizino immediatamente a dotarsi degli strumenti tecnici, cioè la conoscenza dell’inglese». Ma non è tutto: la Liuc ha pensato anche di articolare gli insegnamenti dei tre anni in modo che l’ultimo sia più "leggero": «Questa via ha permesso di mantenere elevato il numero di studenti in partenza – ha proseguito Fiona Hunter – che di solito optano per il soggiorno semestrale. Ci sono, poi, gli studenti che preferiscono andare al primo dei due anni della specialistica. Abbiamo anche avviato una nuova strategia che prevede il conseguimento del doppio titolo: italiano e dell’università del soggiorno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 novembre 2005
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.