5 per mille per il Condominio, un silenzio assordante

Lettera di Angelo Luini, critico sull'operato dell'amministrazione e della presidenza della Fondazione del Teatro

Riceviamo e pubblichiamo

L’assordante silenzio del Comune di Gallarate e della Presidenza della Fondazione del Teatro Condominio in ordine alla possibilità di ottenere una quota del 5 per mille del gettito Irpef lascia di sale. Pare assurdo che la Città si disinteressi completamente della possibilità di ottenere denari, invitando i cittadini a mettere una croce e un numero di codice fiscale (relativo ad una Onlus) sui modelli 730/1 bis, sul modello Cud 2006 e su Unico 2006.

Un comportamento veramente omissivo, sia da parte del Comune sia del Presidente della Fondazione del Teatro Condominio che sembra del tutto disinteressato a cercare soldi per far funzionare la “macchina” pensando a tutt’altro. È impensabile che nessuno si attivi per fare avere soldi attraverso questo nuovo meccanismo.

C’è il fondato sospetto che il presidente della Fondazione si sia dimenticato di registrarsi, nei termini di legge, nell’elenco dell’Agenzia delle Entrate in base all’Articolo 1, legge 266/2005 e in base al DPCM del 20/1/2006. Chi paga adesso?

Angelo Luini

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.