A Milano Internet gratis per tutti? Corritore spiega perchè è possibile

L'incontro che lo spiega è per venerdì 17 febbraio 2006 alle 18 presso la Libreria Archivi del '900. A parlarne tra gli altri il giornalista e blogstar Beppe Caravita e Fiorella De Cindio presidente della fondazione Rete Civica di Milano

Nell’arco dell’ultimo decennio Internet è cresciuta fino a diventare uno strumento prezioso, se non indispensabile, per la società. Ha annullato le distanze tra le persone, facilitando i contatti di lavoro, l’informazione, le relazioni interpersonali fino a diventare uno strumento determinante per la democrazia e lo sviluppo. Le attività dell’uomo, ogni giorno di più, si affidano alla Rete per il lavoro e per il tempo libero e non è lontano il tempo in cui la connettività sarà ritenuta necessaria alla vita quotidiana, come l’acqua corrente e l’energia elettrica: partendo da queste considerazioni è nato il progetto con cui uno degli aspiranti candidati sindaco di Milano dell’Unione che ha recentemente partecipato alle primarie milanesi, Davide Corritore.

Su modello di diverse città degli Stati Uniti, Corritore propone di considerare anche a Milano la Rete a banda larga come un bene pubblico, che la pubblica amministrazione cittadina dovrebbe fornire gratuitamente su tutto il territorio comunale.

«Il progetto è realizzabile in modo relativamente semplice – sia su cavo, sia wireless – grazie alle nuove tecnologie che consentono di trasportare con buona velocità carichi anche consistenti di dati sulle normali linee elettriche domestiche. L’aggiornamento della rete elettrica – necessario all’installazione dei contatori digitali che dovrà avvenire entro il 2008 – adeguerà un’infrastruttura già capillare al trasporto dei “pacchetti IP” di Internet. Anche il wireless potrà essere reso disponibile con facilità sul territorio del comune: normali “access point” installati sui lampioni, con un raggio d’azione circa 100-150 metri, consentiranno l’accesso anche all’aperto».

Per illustrare il progetto in concreto, Corritore ha organizzato un incontro per  venerdì 17 febbraio 2006 alle 18 presso la Libreria Archivi del ‘900 di via Montevideo 9 a Milano dal titolo: « Internet, un bene pubblico per Milano:  strumento di democrazia, partecipazione e sviluppo economico»

Nel corso dell’incontro verranno esposti sia i dettagli tecnici del progetto – in termini di costi, soluzioni dei problemi, tempi di installazione – sia le positive conseguenze che la diffusione della banda larga potrà indurre, in termini di incentivazione del lavoro, inversione della tendenza alla centralizzazione, fluidificazione del traffico (aggiornamento in tempo reale dei sistemi di navigazione satellitare con le notizie sugli ingorghi), miglioramento della qualità della vita e partecipazione diretta di ogni cittadino alla vita politica e amministrativa della città.

Oltre a  Davide Corritore,  parteciperanno all’incontro Beppe Caravita, Giornalista de Il Sole 24Ore e protagonista in rete con il suo blog, tra i più consultati e autorevoli d’Italia, Fiorella De Cindio Professore presso il Dipartimento di Informatica e Comunicazione dell’Universita’ degli Studi di Milano e Presidente della Fondazione RCM – Rete Civica di Milano,  

Herman Zampariolo Presidente iLight Powerline Communications e  Marco Zamperini Direttore marketing e comunicazione di Etnoteam. A moderare l’incontro, che sarà trasmesso in diretta video sul web, al sito www.davidecorritore.it, ci sarà Alberto Biraghi, giornalista ed editor di OneMoreBlog.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.