Bossi incontra il presidente del parlamento basco

Aperitivo al Palace con altri rappresentanti della lega, tra cui Fontana e Giorgetti. Argomento della serata: la legge sul federalismo fiscale

E’ la terza regione italiana che affronta, dopo Toscana e Umbria, seguendo un progetto istituzionale: ma lo sbarco in Lombardia della presidente del Parlamento Basco, Izaskun Bilbao Barandica, ha preso fin dalle sue prime battute il segno del federalismo fiscale. Un po’ perché fin dalle sue prime dichiarazioni si scopre che il governo basco incassa le tasse dei suoi cittadini personalmente e ne cede solo poco più del sei per cento alla Spagna –  con evidenti crisi di invidia da parte degli amministratori leghisti –  e un po’ perché la sua visita, che si concluderà in consiglio regionale a Milano, ha avuto come prima tappa "diplomatica" un aperitivo al palace Hotel di Varese, in compagnia di alcuni rappresentanti della lega Nord, tra cui  Umberto Bossi.

Il senatur ha approfittato di quest’occasione per rivelare che sta scrivendo una legge sul federalismo fiscale.«Sto studiando come fare per dare soldi direttamente ai comuni, alle province e alle regioni, perché così non possono andare avanti. Devono avere la possibilità di incassare alcune tasse al posto dello stato» Ha raccontato un Bossi particolarmente pimpante, determinato a far diventare questa affemazione la sua prossima parola d’ordine.
Sta preparando dunque una bozza di legge che affronti il federalismo fiscale?
«Macchè bozza e bozza: le bozze le fanno gli altri. Noi facciamo le leggi! E Berlusconi, che è il Grande Mediatore, poi fa passare questa proposta agli altri (partiti della cdl, ndr). Anche se con gli altri è difficile convincerli: bisogna parlargli molto, magari invitarli a cena… »
Il federalismo fiscale dipende anche dall’esito dei referendum. E se fosse bocciato?
«Ma non si boccia niente del referendum: La gente è d’accordo con il federalismo. Tutti i sondaggi che abbiamo fatto lo mostrano, anche al sud: chi non vorrebbe mantenere la sua cultura e la sua scuola? Anche in Sicilia e in Calabria parlano la loro lingua e se la vogliono tenere».
Con Bossi, c’erano altri rappresentanti della Lega come Giancarlo Giorgetti, Rosy Mauro,il presidente della provincia Reguzzoni (che avrà con il presidente Bilbao Barandica un incontro ufficiale nella mattina del 15) e Attilio Fontana che, come collega del Calre, l’organismo che riunisce i parlamenti locali con potestà legislative, ha portato Izaskun Bilbao Barandica in città. Ma a salutare il rappresentante istituzionale del parlamento basco c’era anche il rappresentante ufficiale della città di Varese, il commissario prefettizio Sergio Porena.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.