Centrosinistra, si tratta in modo costruttivo

L'ultimo scoglio da superare sembra al momento Accam: ma dopo il "tiro alla fune" su alcuni punti di programma e di metodo prevale l'ottimismo

Le trattative all’interno del centrosinistra bustese per giungere ad un fronte unito in vista delle elezioni amministrative sembrano procedere positivamente. Ieri sera, preso la sede della Margherita in via Pozzi, si è tenuto un nuovo "conclave" fra rappresentanti dei vari partiti dell’Unione. Sul piatto vi era la definizione di aspetti tanto di programma quanto di metodo, di cui si chiedeva il chiarimento quale premessa per continuare il dialogo. Rifondazione Comunista ha posto sui due tavoli della discussione (quello programmatico e quello politico o di metodo) le proprie richieste, ed ha ottenuto risultati soddisfacenti.

"Abbiamo posto in atto una procedura, che successivamente formalizzeremo. Si tratta di un patto sul metodo di lavoro che sarà di garanzia per tutti i partiti della coalizione" spiega Maurizio Maggioni, segretario cittadino dei Democratici di Sinistra: "non mancherà, in futuro, un tavolo di coordinamento dell’Unione. Nel complesso possiamo dirci ottimisti".

Il punto ancora in discussione è Accam, riferisce Maggioni, anche se Rifondazione, per bocca dell’ex capogruppo Antonello Corrado, ritiene la questione in via di risoluzione. "Su Accam credo che giungeremo presto ad un accordo soddisfacente per entrambi. Per noi la convenzione del 2004 è un punto fermo, con la previsione della cessata attività dell’impianto entro il 2019 e l’implementazione in loco di una agenzia ambientale che studi metodi alternativi di gestione dei rifiuti, che non si focalizzino sul business dell’incenerimento. Non vogliamo che Accam si sposti solamente di qualche chilometro, ma che l’inceneritore chiuda per mancanza di rifiuti da bruciare, a seguito dell’aumento della raccolta differenziata".

Anche sulle coppie di fatto l’intesa per un registro delle stesse (già nel programma dell’Unione) è fattibile, e anche la proposta di rendere gratuiti almeno i posteggi nelle immediate vicinanze delle stazioni, in modo da non penalizzare i pendolari, trova favorevoli le parti. Se questi incontri sfoceranno in un’alleanza stabile e chiara, si dovrà passare alla fase della scelta del candidato sindaco, che a sua volta dovrà contribuire al programma comune, e della squadra di governo della città.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.