Cinque Mulini: Koech, Kalovics e tanta Italia

Nella gara di Cross disputata a S.Vittore Olona crollo a sorpresa del favorito Kemboi. Bravi De Nard e la Tisi

Africa, Europa e tanta Italia alla 74a edizione della Cinque Mulini di San Vittore Olona. Se sul pennone sono saliti infatti i vessilli di Kenia e Ungheria per merito dei vincitori Paul Kipsiele Koech e Anika Kalovics, bisogna sottolineare anche la prestazione maiuscola di molti azzurri, culminata con il terzo posto di Patrizia Tisi tra le donne e il quarto di Gabriele De Nard.

Nella corsa maschile il duello keniano è arrivato solo nelle battute finali proprio grazie all’azione convinta e convincente di De Nard, partito forte nel tentativo di staccare i fenomenali atleti africani. A farne le spese è stato proprio il favorito Ezekiel Kemboi, olimpionico delle siepi, staccatosi e giunto lontanissimo (25°). Del tutto differente invece la risposta di Koech, Kipruto e del tanzaniano Naasi che hanno respinto l’attacco dell’azzurro e sono arrivati a giocarsi la volata finale nella quale l’ha spuntata Koech, bronzo ad Atene. Scorrendo la classifica si notano altri spunti interessanti: discreti gli azzurri (11° Battocletti, 12° Di Pardo), meno altri esponenti stranieri: solo nono Feleke, sedicesimo Essa, iscrittosi all’ultimo momento ma atteso a una prova di spessore. Bravo il neozelandese Wyatt, specialista di corsa in montagna, che sul fango olonese ha chiuso ottavo.

Tra le donne è toccato all’ungherese Aniko Kalovics (foto in alto) chiudere davanti a tutti: la campionessa 29enne, tesserata per la società Co-Ver Mapei di Verbania ha superato al termine di una gara all’attacco la fortissima ugandese Dorcus Inzikuru. L’africana è stata autrice di una gran rimonta finale, un recupero che non è servito però per battere la Kalovics. Terza e prima delle italiane l’altra esponente della Co-Ver, la bresciana Patrizia Tisi, a lungo in seconda posizione. Quarta e sesta altre due azzurre, Weissteiner e Rungger, tra le quali è spuntata la giovanissima (e promettente) inglese Pidgeon.
Vittoria italiana infine nella categoria juniores nella quale ha trionfato Antonio Garavello.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.